/ Juve

Che tempo fa

Cerca nel web

Juve | martedì 14 marzo 2017, 23:03

Juventus, anche in Champions la vittoria è di rigore: con il Porto basta un penalty di Dybala

La Joya firma dagli undici metri la qualificazione ai quarti di finale della massima competizione europea per club. Niente da fare per i portoghesi, rimasti in 10 per larga parte del match come già accadde all'andata.

Juventus, anche in Champions la vittoria è di rigore: con il Porto basta un penalty di Dybala

Il massimo risultato con il minimo sforzo. La Juventus batte 1-0 il Porto nella gara di ritorno degli ottavi di finale di Champions League e approda senza alcun patema d'animo tra le migliori otto d'Europa. A decidere il risultato è stato un calcio di rigore trasformato da Dybala sul finire della prima frazione: a causare il penalty, un netto fallo di mano di Maxi Pereira (espulso nell'occasione).

 

LA PARTITA

Con ben chiaro l'obiettivo di blindare la qualificazione ai quarti di finale, la Juve scende in campo con l'ormai consueto 4-2-3-1: Dani Alves preferito a Lichtsteiner e Marchisio in mezzo al campo in coppia con Khedira sono le principali novità nell'undici scelto da Allegri, mentre in difesa è confermato Benatia. Il Porto, a caccia dell'impresa, si affida ad un 4-3-3 offensivo per tentare di ribaltare il risultato dell'andata.

La prima iniziativa del match è di marca bianconera: al 3' Dybala prova a sorprendere Casillas da posizione defilata, ma la sua conclusione termina ampiamente a lato. Al 10' Soares approfitta di un errore in appoggio di Dani Alves e calcia verso la porta di Buffon, il portiere di casa è attento e blocca. Al 23' squillo juventino con Mandzukic: il croato incorna un bel cross di Dani Alves, Casillas para senza particolari difficoltà. Il match prosegue senza particolari sussulti tanto che per rivedere un'azione degna di nota bisogna aspettare il minuto 36 quando Dybala si beve mezza difesa del Porto con una serie di dribbling asfissianti prima di essere chiuso in angolo. Dal corner seguente la Joya pesca Mandzukic nel cuore dell'area di rigore, il numero 17 colpisce sfiorando il palo alla destra di Casillas.

La pressione dei padroni di casa si fa via via maggiore e al 40' ecco la svolta della gara. Angolo di Dani Alves, la sfera giunge ad Higuain il quale calcia a botta sicura trovando la parata di Maxi Pereira, sostituitosi per l'occasione al proprio portiere. Per l'arbitro romeno Hategan non ci possono essere dubbi: rigore ed espulsione per il numero 2 del Porto. Dal dischetto si presenta Dybala che spiazza Casillas e firma il vantaggio juventino.

Prima della fine del tempo, Cuadrado tenta ancora la via del gol ma la mira non è delle migliori e il tiro finisce direttamente in curva. La prima frazione si chiude così con i padroni di casa in vantaggio di una rete ed in superiorità numerica.

La ripresa si apre con un cambio per parte: nella Juventus Pjaca prende il posto di Cuadrado, mentre il Porto manda in campo Boly in sostituzione di André Silva. Dopo appena quattro minuti proprio gli ospiti sciupano una grandissima occasione: Soares, dopo aver rubato palla a Benatia, si presenta a tu per tu con Buffon calciando malamente fuori. Al 60' Pjaca fa tremare la retroguardia portoghese, il suo diagonale però non trova il bersaglio.

Al 66' è invece Higuain a liberarsi bene dalla marcatura ospite, ma la sua conclusione fa la barba al montante alla destra del portiere e conclude sul fondo la propria corsa. Da questo momento in poi, solo le sostituzioni interrompono una partita tutt'altro che entusiasmante: la Juve controlla, il Porto appare rassegnato.  All'82' i lusitani vanno però vicini al pareggio con il subentrato Diogo Jota che scavalca con un pallonetto Buffon, proteso in uscita, mettendo però il pallone fuori.

Dopo tre minuti di recupero, arriva il fischio finale. Missione compiuta dunque per la Vecchia Signora, abile a sbrigare la pratica senza correre rischi. Venerdì prossimo, a Nyon, ci sarà il sorteggio dei quarti di finale: la Champions League entra nel vivo, la Juventus è pronta a dire la sua.

 

IL TABELLINO

JUVENTUS-PORTO 1-0 (Dybala su rigore al 42')

JUVENTUS: Buffon; Dani Alves, Bonucci, Benatia (dal 60’ Barzagli), Alex Sandro; Khedira, Marchisio; Cuadrado (dal 46'. Pjaca), Dybala (dal 78’ Rincon), Mandzukic; Higuain (Neto, Chiellini, Barzagli, Lichtsteiner, Pjanic). 

ALLENATORE: Allegri

PORTO: Casillas; Maxi Pereira, Felipe, Marcano, Layun; André André, Oliver Torres (dal 70’ Otavio), Brahimi (dal 66’ Diogo Jota); Tiquinho, André Silva (dal 46' Boly) (José Sa, Ruben Neves, Herrera, Depoitre). 

ALLENATORE: Espirito Santo.

ARBITRO: Hategan (Romania)

NOTE

Espulsi: Maxi Pereira per gioco scorretto al 40’. Ammoniti: Cuadrado, Layun, André André per gioco scorretto.

Roberto Vassallo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore