/ Juve

Che tempo fa

Rubriche

Cerca nel web

Juve | martedì 05 dicembre 2017, 23:06

Juve, Cuadrado e Bernardeschi ti regalano gli ottavi: Olympiacos battuto 2-0

Una rete per tempo qualifica la Vecchia Signora alla seconda fase di Champions League: apre il colombiano al 16', chiude il talento classe '94 in zona Cesarini.

È una trasferta dal sapore dolce quella della Juventus ad Atene. I bianconeri regolano l'Olympiacos 2-0 ed accedono agli ottavi di finale della UEFA Champions League. A garantire il successo in terra greca sono state le reti di Cuadrado e Bernardeschi, una per tempo, che hanno permesso alla Vecchia Signora di procedere nel suo cammino europeo senza dover ricorrere all'aiuto del Barcellona (vittorioso comunque 2-0 sullo Sporting, i lusitani retrocedono così in Europa League ndr). Lunedì prossimo, alle ore 12 nella sede UEFA di Nyon in Svizzera, il sorteggio del primo turno della fase a eliminazione diretta: tante le possibili insidie per gli uomini di Allegri che, essendosi qualificati al secondo posto, occuperanno un posto in seconda fascia.

LA PARTITA

Con Buffon e Pjanic fuori (il portierone nemmeno in panchina), Allegri rispolvera il 4-2-3-1: in porta c'è Szczesny, in difesa De Sciglio, Barzagli, Benatia e Alex Sandro; a centrocampo la coppia Khedira-Matuidi in appoggio a Cuadrado, Dybala e Douglas Costa; Higuain punta centrale. La riposta dell'Olympiacos è affidata ad un 4-3-3: Proto tra i pali, Elabdellaoui, Engels, Nikolaou e Koutris a formare la retroguardia; Tachtsidis, Romao e Odjidja sulla linea mediana; Pardo, Djurdjevic e Sebà a formare il tridente offensivo. Prima della partita, il club greco omaggia Gigi Buffon: il capitano della Juve riceve il premio Theorosidis, riconoscimento dedicato alla figura dell'omonimo ex presidente della società del Pireo. Visto il contemporaneo forfait di Buffon e Chiellini (rimasto a Torino a causa di una gastroenterite), i gradi di capitano passano all'esperto Barzagli.

Parte bene la Juve, tanto che al 7' arriva la prima palla gol: De Sciglio dalla destra invita Dybala con un pregevole passaggio filtrante, il numero 10 si libera al tiro trovando la buona risposta di Proto in calcio d'angolo. All'11 si vedono i greci: prima è Benatia a chiudere con grande tempismo su un'incursione centrale, poi Szczesny blocca in due tempi un tiro da fuori di Elabdellaoui. Al 16' la Vecchia Signora passa in vantaggio: lancio illuminante dalle retrovie per Alex Sandro che si invola sulla sinistra e una volta raggiunto il fondo serve al centro dove Cuadrado, veloce e preciso, arriva e deposita in rete. Azione perfetta, conclusa ancora meglio per la gioia del settore ospiti che esplode in un boato, reso più nitido dal silenzio del pubblico di casa.

Al 25' è ancora Cuadrado a seminare il panico dalle parti di Proto, ma questa volta il portiere belga (di origine italiana) si salva con coraggio uscendo sui piedi del colombiano. Al 28' il difensore dell'Olympiacos Romao compie una clamorosa ingenuità regalando, con un passaggio orizzontale, la sfera a Douglas Costa che però non ne approfitta a dovere e rimedia solo un corner. Al 37' tocca ad Higuain scuotere la difesa di casa, la girata del Pipita è murata sul fondo. Al 40' Dybala perde malamente il possesso palla a metà campo, Benatia limita però la ripartenza avversaria mettendo in angolo. Non proprio dal corner seguente ma sempre su azione d'angolo l'Olympiacos sfiora il pareggio: Romao di testa gira sul secondo palo, Djurdjevic a botta sicura batte a rete ed è decisivo Szczesny che con un super intervento evita l'1-1. Questa è l'ultima emozione del primo tempo, si va al riposo dopo 45 minuti esatti e con la squadra di Allegri avanti 1-0. Un vantaggio risicato che sarebbe potuto essere più ampio con la giusta cattiveria  ma, sempre per un po' troppa superficialità in determinati frangenti, sarebbe potuto anche essere riequilibrato dal team greco, soprattutto nelle battute finali della prima frazione di gioco.

La ripresa si apre con una novità: il tecnico di casa Lemonis manda in campo Marin in sostituzione di Sebà. I bianconeri (anche stasera di giallo vestiti, come venerdì scorso a Napoli) si gettano all'immediata ricerca del raddoppio, al 50' un assist pregevole per Dybala viene però vanificato dalla posizione di offside della Joya. Sospinto dal tifo dei suoi supporter, l'Olympiacos aumenta la pressione e si presenta con insistenza nella metà campo ospite: al 57' Szczesny é bravo a bloccare un traversone insidioso di Pardo, ma è al 58' che il vice Buffon dimostra tutta la sua bravura opponendosi con una super parata a Marin presentatosi a tu per tu con lui. Allegri capisce che qualcosa non va e al 61' manda dentro Pjanic al posto di Dybala; si passa così al 4-3-2-1. Anche Lemonis decide di operare un nuovo cambio e inserisce Fortounis togliendo Odjidja. Nel frattempo arrivano buone notizie da Barcellona: Alcacer segna l'1-0 sullo Sporting che mantiene i portoghesi alle spalle della Juve.

Al 70' seconda sostituzione anche per mister Allegri: esce Barzagli, che consegna la fascia da capitano a Khedira, entra Rugani. Segue l'ultimo ingresso nei biancorossi di Grecia, ovvero Ben Nabouhane per Djurdjevic. Proprio l'ultimo entrato in casa Olympiacos calcia al 74' una punizione dal limite: palla sulla barriera con Khedira centrato in pieno volto e abbattuto. All'81' ci prova Cuadrado, parata di Proto. Di ben altro spessore la chance capitata al minuto 82' ancora a Ben Nabouhane, che con un colpo di testa sotto misura anticipa la difesa juventina e colpisce la traversa: brividi, non solo causati dal gelido vento del Pireo, per Szczesny. All'84 finisce la gara di Cuadrado, al suo posto c'è Bernardeschi. Il neoentrato impegna subito Proto con un bolide dalla distanza che l'estremo difensore disinnesca con bravura. Poco male per il talento della Vecchia Signora che proprio sul finire dei tempi regolamentari mette il sigillo finale sul match: sinistro preciso sul secondo palo, 2-0 Juve quasi in contemporanea con il raddoppio del Barça sullo Sporting. Finisce così dopo tre minuti di recupero: la Juve sorride e vola agli ottavi di finale.

IL TABELLINO

OLYMPIACOS - JUVENTUS 0-2

RETI: Cuadrado (J) al 16' p.t.; Bernardeschi (J) al 45' s.t.

OLYMPIACOS (4-3-3): Proto; Elabdellaoui, Engels, Nikolaou, Koutris; Tachtsidis; Romao, Odjidja (dal 16' s.t. Fortounis); Pardo, Djurdjevic (dal 25' s.t. Ben Nabouhane), Sebà (dal 1' s.t. Marin). (Choutesiotis, Botia, Gillet, Androutsos). ALLENATORE: Takis Lemonis.

JUVENTUS (4-2-3-1): Szczesny; De Sciglio, Benatia, Barzagli (dal 25' s.t. Rugani), Alex Sandro; Khedira, Matuidi; Cuadrado (dal 38' s.t. Bernardeschi), Dybala (dal 16' s.t. Pjanic) Douglas Costa; Higuain. (Pinsoglio, Asamoah, Marchisio, Mandzukic). ALLENATORE: Massimiliano Allegri

ARBITRO: David Fernández Borbalán (Spagna).

AMMONITI: Koutris (O), Djurdjevic (O), Nikolau (O), Benatia (J).

Roberto Vassallo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore