/ Basket

Che tempo fa

Rubriche

Cerca nel web

Basket | mercoledì 10 gennaio 2018, 20:27

Basket, Fiat Torino ko a San Pietroburgo contro lo Zenit

Gli uomini di Banchi giocano un gran primo tempo chiudendo avanti di 12, nella ripresa subiscono il ritorno dei padroni di casa

Foto tratta dal sito della Società

Dopo la vittoria contro il Bayern, arriva la prima sconfitta per la Fiat Torino. I gialloblù partono fortissimi spinti da un ispirato Lamar Patterson e chiudono in vantaggio il primo tempo. Nella ripresa gli uomini di Karasev prendono le misure a Torino e completano la rimonta, riuscendo sul finale anche a lasciare 11 punti agli avversari. Miglior marcatore per i gialloblù è Lamar Patterson a quota 19; in doppia cifra anche Iannuzzi (16), Vujacic (11) e Garrett (10).

CRONACA

Vujacic, Patterson, Okeke, Iannuzzi e Garrett formano lo starting five per la Fiat Torino. Il primo possesso è russo, ma Torino parte meglio e Okeke, Garrett e Iannuzzi firmano il 3-8 dopo 3’. Gordon Drew prova subito ad accorciare le distanze e a rimettere lo Zenit sul binario giusto, ma Torino è implacabile Vujacic in appoggio e la bomba di Okeke segnano il +8 (5-13) e costringono il coach avversario al primo time out. All’uscita dalle panchine lo Zenit soffre ancora, non riuscendo a penetrare l’ottima difesa disegnata da coach Banchi, Vujacic approfitta su una palla persa per mettere la tripla del +11 (5-16). Harper e Drew dalla lunetta prova ad interrompere l’emorragia gialloblù, ma la poderosa schiacciata a due mani di David Okeke mantiene il vantaggio in doppia cifra (10-20). Lo Zenit alza pressione e ritmo della partita e riesce a trovare il canestro con Voronov, l’Auxilium però è brava a ribattere colpo su colpo con Iannuzzi e Garrett, mantenendo le distanze invariate (15-25). I padroni di casa, dopo un paio di buoni minuti, alzano definitivamente la testa quando mancano 1.30’ alla fine dei primi 10’ e trovano un mini break che dimezza lo svantaggio dai gialloblù (20-25). Sul finale lo Zenit riesce a toccare anche il -1, prima che il canestro di Patterson chiuda il primo quarto sul 24-27.

Apre i secondi di 10’ Patterson, ma pronta arriva la risposta di Karasev dall’arco e lo Zenit può ancora accorciare (27-29). Ritmi altissimi con la Fiat che riesce a mantenere il vantaggio, ma i russi inseguono senza mollare un centimetro: a Karasev rispondono prima Poeta, poi Washington e dopo 4’ il risultato è di 33-35. La tripla di Karasev segna il primo vantaggio dei padroni di casa, con Kuric subito pronto ad allungare il vantaggio fino a +4 (39-35). La Fiat non si lascia abbattere dallo svantaggio e con il gioco da tre firmato Deron Washington si porta subito a -1. Il vantaggio russo dura poco: Iannuzzi dalla lunetta segna prima il nuovo vantaggio e, dopo il centro di Jones, poi il +4 (39-44). Lo Zenit attacca a testa bassa cercando subito di colmare il gap e Torino risponde colpo su colpo, riuscendo anche ad 1’ ad allungare con la solita bomba di The Machine Vujacic (43-51). Sul finale un Lamar Patterson - che chiude il primo quarto con 17 punti e 7 assist - segna sulla sirena il canestro in penetrazione che vale il +12 gialloblù (46-58).

Primi 2’ del secondo tempo dove sono le difese fanno da padrone e i canestri di Voronov e Patterson mantengono le distanza invariate (48-60). Le due triple consecutive di Kuric interrompono la magia e portano i russi a ridosso di Torino (54-60). Iannuzzi prova a spezzare il ritmo dei biancoblu, ma lo Zenit è incalzante e continua nella scalata, costringendo Banchi a chiamare il timeout (58-62). A 3' dalla fine della terza frazione - dopo una fase di sostanziale equilibrio  - i russi riescono ad acciuffare il pareggio sul 66-66 con Lazarev. Il fallo antisportivo di Andre Jones, sulla palla persa di Lamar Patterson, manda in lunetta Voronov che segna il nuovo vantaggio russo (70-68). Sul finale i padroni di casa riescono ad allungare, chiudendo la penultima frazione sul +5 (73-68).

L'ultima frazione si apre con il libero di Garrett che segna il -4 (73-69). Lo Zenit prova lo strappo con Kuric, ma la reazione degli uomini di Banchi è subito pronta e dopo 3' dell'ultimo quarto Poeta ruba e si invola a canestro, riportando i suoi a contatto (77-75). Lo Zenit continua a spingere e manda la Fiat a -6 (83-77), Torino prova a non farsi spingere indietro con la tripla di Garrett, ma la risposta di Voronov dall'arco ribadisce il gap (86-80). A 1.30' lo Zenit preme sull'acceleratore e con la coppia Kuric-Harper chiude di fatto la partita, spedendo i gialloblù a -10. Sul finale lo Zenit arrotonda ancora, risultato finale

ZENIT SAN PIETROBURGO-FIAT TORINO 95-84 (24-27, 22-31; 27-10, 22-16)
ZENIT S.PIETROBURGO
: Reynolds 5, Lazarev 2, Karasev 22, Barinov ne, Vikhrov, Voronov 16, Simonovic, Whittington, Harper 16, Kuric 28, Valiev 2, Gordon 4. All. Karasev
FIAT TORINO: Garrett 10, Parente ne, Vujacic 11, Poeta 4, Stephens ne, Patterson 19, Washington 7, Okeke 7, Jones 8, Mazzola 2, Iannuzzi 16. All. Banchi.

Salvatore Macheda

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore