/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | lunedì 19 febbraio 2018, 14:20

HIGHLIGHTS - Alpignano-Fossano 0-1. Magia di Romani, gol di Buongiorno. Locali sfortunati

Solo un grande Merlano, portiere fossanese, ha permesso al Fossano di mantenere lo 0-0 al 45'. Poi un esterno di Romani ha messo in porta Di Salvatore, atterrato al 20' st

Piroli, Lerda e mister Gatta: l'Alpignano meritava di più

ALPIGNANO-FOSSANO 0-1 - Eccellenza B

Alpignano: Berghin, Bianco, Vanin, Burei, Tarnoski, Lerda, Soatto, Sinisi, Piroli, Marangone, De Sousa. A disp.: Tirelli, Bersanetti, Musso, Durante, Rulli, D'Angelo, Bellino. All.: Gatta.

Fossano: Merlano, Galvagno, Sammartino, Mozzone, Armando, Buongiorno, romani, Bottasso, Tavella, Dansu, Campana. A disp.: Dia, Grasso, Brungaj, Scotto, Di Salvatore, Konate, Guienne. All.: Viassi.

Arbitro: Orazietti di Nichelino (assistenti: Pavanati di Pinerolo e Dimaria di Torino)

Rete: 19' st rig. Buongiorno

Quarto posto per il Fossano, vittorioso senza subire gol, e Alpignano in apnea. Questo racconta la classifica, ma il match di via Migliarone ci ha detto qualcos'altro, ovvero che i locali valgono molto più dei 26 punti in classifica (5 vittorie, 11 pareggi, 8 sconfitte). L'Alpignano, ieri, ha avuto un solo - grande - demerito: quello di non riuscire a buttarla dentro. E se è andata così grande merito va al portiere classe '88 Merlano, più volte decisivo soprattutto nei primi 45 minuti.

>>> GUARDA GLI HIGHLIGHTS SU FACEBOOK! A breve il filmato

Primo tempo a tinte alpignanesi. Un destro di De Souza deviato e a fil di palo (7'), un collo destro di Lerda un minuto dopo, un tocco di punta di De Souza per la conclusione sopra la traversa di Piroli (13'): davvero ottimo l'avvio della squadra di Gatta, che deve solo controllare col suo portiere Berghin Rosè un tiro centrale da 25 metri dell'ottimo Dansu. E ancora: combinazione Marangone-De Souza-Bianco-Piroli e pallone fuori di pochi centrimetri (18'), doppia chance per Marangone di piede e di testa (19'). Il Fossano prova a rispondere con un diagonale di Romani respinto in tuffo da Berghin Rosè, poi un bellissimo schema su punizione porta Vanin a sfiorare l'1-0 dopo un dialogo De Sousa-Marangone-Piroli. Molto più Alpignano che Fossano.

Nella ripresa i blues di Viassi scendono in campo con un altro spirito e dopo un diagonale di Buongiorno (3') ecco lo 0-1 decisivo: recupero-palla a metà campo, filtrante di Dansu per la fuga di Romani, che con una magia d'esterno destro mette in porta Di Salvatore, atterrato. Buongiorno trasforma dagli 11 metri. A questo punto l'Alpignano, con le forze fresche del '98 Bellino, di Durante e di Musso, prova l'assalto finale: Piroli, Bellino e De Souza trovano sempre Merlano ben piazzato mentre gli ospiti accarezzano lo 0-2 quando Vanin spazza da terra sulla linea di porta un cross di Dansu.

Alla fine esultano gli ospiti, pronti domenica prossima per uno scontro diretto a 42 punti tra quarto e quinto posto con l'Alfieri Asti. Fossano in emergenza, ma cinico e spietato, Alpignano che avrebbe meritato almeno il pareggio per quanto prodotto nel primo tempo.

Gatta, tecnico dell'Alpignano: "Difficile fare commenti, già solo un punto mi avrebbe fatto rimanere scontento. Figuriamoci zero...La fortuna bisogna cercarla, quindi alla fine è colpa nostra, ma Merlano è stato il migliore in campo. E' stato davvero bravissimo. Il primo tempo dovevamo finirlo largamente in vantaggio, non posso dire nulla ai ragazzi anche se oggi resta solo il rammarico. Negli ultimi tempi abbiamo sbagliato partita solo con la Denso, quindi io sono fiducioso. Giocando così ne vinceremo molte e lo stesso Viassi, dopo gli addetti ai lavori dell'Asti, ha detto che avremmo meritato di più e che non valiamo 26 punti appena in classifica. Abbiamo creato 8-9 palle gol concedendo quasi nulla al Fossano, ma vincono loro. Ancora non ci credo, ma non può essere solo sfortuna. Quindi lavoriamo, lavoriamo, lavoriamo...Questa comunque è un'annata che ci può insegnare molto, perchè dalle sofferenze si può crescere. Ripeto, io credo nel gioco e 10 partite da giocare sono ancora tante. Testa alta".

Michele Rizzitano

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore