/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | domenica 15 aprile 2018, 20:00

(VIDEO) CARRARA-CASELLE 2-0 - Prima girone D: capolista in fuga a +5. Partita perfetta

Scontro in vetta vinto con una prova eccezionale in difesa, prima che in attacco: anestetizzato il Caselle

De Gioianni, Lancianese e Lasaponara (Carrara)

De Gioianni, Lancianese e Lasaponara (Carrara)

CARRARA-CASELLE 2-0- Prima girone D

Rete: 44' De Gioanni, 28' st Lancianese

Carrara: Del Boccio, Caporilli, Di Benedetto, Fini, Fronticelli, Barra, Santi, De Gioanni, Lancianese, Lasaponara, Bordino. A disp.: Vicentini, Frisenna, Scozzafava, Bongiovanni, Lobascio, Cimmino, Galizia. All.: Ragazzoni.

Caselle: Oliva, Biseffi, Dellerba, Carvelli, D'Addetta, Mazza, Richiardi, Rubino, Borrello, Granata, Pistone. A disp: Fornard, Rizzi, Damiano, Aiosa, Ruscone, Femia, Dielo. All.: Santomauro.

I VIDEOGOL DELL'INCONTRO E LA GIOIA DEL CARRARA (guardalo anche su Facebook!)

La partita perfetta nel giorno più importante in Prima girone D: il Carrara, unica squadra imbattuta in Piemonte in mezzo a oltre 500 formazioni assieme alla Viguzzolese (Seconda girone M), batte 2-0 l'inseguitrice Caselle, sale a +5 a quattro gare dalla fine e vede da vicino un sogno chiamato Promozione. Di più: il portiere Del Boccio non viene quasi mai chiamato in causa dagli ospiti a dimostrazione di una prova impeccabile del Carrara soprattutto a livello difensivo. Sugli scudi Caporilli, Fini, Fronticelli, Barra e soprattutto Di Benedetto: ha funzionato alla perfezione la gabbia attorno a Borrello, Granata e Pistone, che hanno avuto pochi spazi e palloni giocabili, stretti nella morsa tra pressing e grandi chiusure aeree. Un Caselle quasi mai pericoloso, anestetizzato e soffocato, costretto alla fine (dopo un po' di caos...) a fare i complimenti alla prima della classe.

Questa gara doveva dire chi era la più forte. E lo ha detto. Mister Ragazzoni continua quindi a macinare vittorie e record: dopo gli 11 successi di fila della stagione 2016/2017 ecco una storica prima posizione con zero sconfitte da settembre a metà aprile - che già adesso è qualcosa di mai visto in corso Appio Claudio - e una grossa ipoteca sul salto di categoria. Restano quattro battaglie, ma per aprire nuovi scenari dietro tutte dovranno vincere sempre e il Carrara dovrà frenare come non ha mai fatto in 7 mesi.

Prima della materializzazione dell'opera d'arte del Carrara il Caselle è comunque vivo e se la gioca alla pari nel primo tempo. E' proprio degli ospiti la prima occasione con uno spunto a sinistra di Biseffi ed un tiro fuori misura di Granata (5'). Poco dopo stessa sorte per una conclusione di Bordino del Carrara (10'). I primi gialli per Lasaponara e D'Addetta sono il segnale che il ritmo sale vertiginosamente: il Caselle vuole la vetta, il Carrara la fuga. Inizia così la battaglia vera e una sponda di Lancianese porta al tiro Santi: potente conclusione sopra la traversa al 28'. Al 34' ancora Lancianese, scatenato, salta tre uomini e non riesce a trovare più che un corner, dal quale però Santi, ancora lui, sfiora l'1-0 di testa. E' qui che il Carrara affonda i colpi, con una prestazione superlativa tra difesa e centrocampo, un giro-palla rapido e preciso sulla mediana e diversi guizzi interessanti là davanti. Proprio come al 44'...filtrante di Lasaponara, cross di Lancianese e destro a rimorchio sul secondo palo dell'onnipresente De Gioanni, lasciato colpevolmente libero di prendere la mira: 1-0 per il Carrara un minuto prima dell'intervallo!

La mazzata arriva al Caselle nel momento peggiore e allora Santomauro nella ripresa prova a scuotere i rossoneri con gli ingressi di Damiano, Femia, Ruscone e Dielo. Ed è proprio di quest'ultimo il primo vero tiro in porta al 35' st degli ospiti: collo destro da 25 metri e parata centrale di Del Boccio. Il Caselle, che resta comunque un'ottima squadra, non va oltre a questa conclusione a dieci minuti dalla fine in una giornata opaca. Il Carrara, invece, amministra senza alcun rischio per oltre mezzora la gara, la addomenta e la vivacizza a suo piacimento (pericoloso Santi in più di un'occasione) e chiudi i conti con il dialogo Lasaponara-Lancianese che porta il numero 9 a tu per tu col portiere: 2-0 al 28' della ripresa con un rigore in movimento. Il Caselle in questo caso protesta per un presunto fuorigioco di Lasaponara. Gli ultimi dieci minuti servono solo a sottolineare la forza del Carrara, che deve gestire con la testa l'inevitabile nervosismo ospite dovuto anche ad un'esultanza di Lancianese non proprio gradita dai tifosi ospiti (classico gesto delle orecchie, ma niente di scandaloso).

In corso Appio Claudio, dunque, risultato netto e insindacabile: il Carrara, ad oggi, è la squadra più forte di Prima girone D. Il viaggio verso la Promozione, che sarebbe storia vera per la società, continua con un mucchio di certezze in più. Da applaudire i supporters del Caselle, rumorosi e colorati.

PROSSIMI AGGIORNAMENTI: VIDEOINTERVISTA A MISTER RAGAZZONI

Michele Rizzitano

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore