/ Altri sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Altri sport | 17 aprile 2018, 18:32

Nasce a Grugliasco il brevetto di un tavolo che permetterà ai disabili di giocare a bocce

L’inventore Guido Fochi: “L’idea mi venne nel 2001 poi l’abbandonai per un po’ e successivamente ci rimisi mano. La struttura è tutta smontabile per rendere agevole il trasporto e ha le ruote per spostarla facilmente”

Nasce a Grugliasco il brevetto di un tavolo che permetterà ai disabili di giocare a bocce

L’idea di un mini tavolo per il gioco delle bocce, in particolare per la specialità della raffa, è di un grugliaschese d’adozione: pensata, realizzata e brevettata da Guido Fochi, classe 1943 ed originario di Contarina in provincia di Rovigo. L’obiettivo principale che l’ha ispirata è consentire a tutti i portatori di handicap fisici o che hanno problemi di deambulazione e che quindi non potrebbero praticare questo sport nei campi da gara regolamentari.

L’idea mi venne nel 2001 – racconta Fochi – poi l’abbandonai per un po’ e successivamente ci rimisi mano per portarla a termine con un risultato che mi soddisfa. L’ho costruito all’aperto, spesso anche al freddo. La struttura è tutta smontabile per rendere agevole il trasporto e ha le ruote per spostarla facilmente. Il tavolo è di metallo e legno, ma non c’è nulla di saldato; ha inoltre una serie di regolazioni ergonomiche e di accessori che permettono ai giocatori con disabilità un approccio confortevole al gioco della raffa”.

Fochi ha brevettato la sua invenzione, ma non è nuovo a questi slanci dell’ingegno: sempre per il gioco delle bocce già nel 1995 inventò un misuratore per i punti. Grazie alla sua abilità manuale nel saper costruire con legno e ferro Fochi è riuscito a coniugare le sue due passioni: il lavoro e le bocce, di cui è stato campione italiano di serie C nel 2011 insieme al figlio in Valle d’Aosta.

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium