/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | 26 aprile 2018, 10:02

Invade terreno di gioco e aggredisce l'arbitro: dirigente dell’Olmo denunciato dalla Digos di Cuneo

Si tratta di S.F., classe '66, sottoposto anche al procedimento della sottoposizione del provvedimento DASPO. Come se di per sé non bastassero i genitori…

Invade terreno di gioco e aggredisce l'arbitro: dirigente dell’Olmo denunciato dalla Digos di Cuneo

Come se di per sé non bastassero i genitori, oggi ci si mettono anche i dirigenti.

Non conosce confini, né ruoli l’assoluta pochezza odierna di cultura sportiva mista ad una dose invece industriale di maleducazione.

Neppure quando ci si trova in presenza di giovanissimi ed i freni inibitori dovrebbero sempre avere la meglio per infondere quei valori che sono davvero determinanti per chi si approccia alla vita ed alle sue regole.

Nei giorni scorsi, durante una partita della categoria “Giovanissimi” - disputata a Cuneo sui campi sportivi dell’Olmo, tra le compagini sportive “Olmo-Area Calcio Bra Roero” - a seguito dell'espulsione di due giocatori il direttore di gara è stato avvicinato da un uomo il quale, dopo essersi indebitamente introdotto nell’area di gioco, lo ha minacciato, ingiuriato e strattonato senza ascoltare i ripetuti inviti a lasciare il campo di gioco.

Considerata la situazione l’arbitro ha quindi deciso di sospendere definitivamente la partita,  nonostante l’uomo - continuando a perpetrare la sua condotta aggressiva – avesse seguitato ulteriormente a strattonare il direttore di gara invitandolo a proseguire la partita. 

Gli accertamenti e le indagini condotte dal personale della DIGOS hanno consentito di ricostruire i fatti, anche se con molte difficoltà, ed hanno portato all’identificazione dell’uomo ed alla sua denuncia a piede libero alla competente Autorità Giudiziaria per invasione del terreno di gioco (violazione dell’articolo 6 bis, comma, 2 legge 401/89 e successive modifiche).

Si tratta di S. F., classe '66, cittadino italiano, membro dello staff dell’ASD Olmo, cui è stato notificato l’avvio del procedimento della sottoposizione del provvedimento DASPO, ossia il divieto di accedere alle manifestazioni sportive per un periodo di tempo predeterminato.

L’assenza di querela di parte dell’arbitro - un albanese di origine greca, che vive nel capoluogo e studia a Mondovì - gli ha evitato guai maggiori.

W.A.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium