/ Sommario

Che tempo fa

Cerca nel web

Sommario | martedì 15 maggio 2018, 18:04

"Un giorno per sport" e "a scuola per sport", più di quattromila bambini al parco Ruffini

"Sono progetti a cui tengo particolarmente – ha sottolineato l’assessore Finardi – perché contribuiscono a promuovere e a sviluppare l’attività sportiva in tutte le scuole cittadine"

Oggi al Parco Ruffini si è svolta la festa finale di “Un Giorno per Sport – anno 2018” e “A Scuola per Sport”, progetti dell’Assessorato allo Sport della Città di Torino a cui hanno partecipato gli studenti delle scuole primarie e secondarie.

Nell’area del Parco sono state allestite delle postazioni di campi prova dove durante la mattinata tutti i partecipanti hanno potuto provare alcune tra le diciannove diverse discipline proposte. Una delle novità di questa edizione è stata quella della “Foresta di Sherwood” al cui interno i bambini hanno potuto cimentarsi in percorsi sportivi accolti dai tecnici della Safatletica vestiti come nella favola di Robin Hood.

Lo Stadio “Primo Nebiolo” ha ospitato le fasi finali delle gare di atletica leggera che hanno visto in pista gli alunni delle classi quinte della scuola primaria. Nel primo pomeriggio, dopo aver sfilato con un elegante cappellino rosso donato dall’Assessorato allo Sport, più di quattromila studenti sono stati riuniti all’interno del Palazzo dello Sport dove si è tenuta la cerimonia delle premiazioni delle classi finaliste e la consegna di ulteriori riconoscimenti per tutti gli intervenuti. Alla cerimonia era presente l’assessore Roberto Finardi. “Un Giorno per Sport e A Scuola per Sport sono dei progetti a cui tengo particolarmente – ha sottolineato l’assessore Finardi – perché contribuisce a promuovere e a sviluppare l’attività sportiva in tutte le scuole cittadine. Oggi erano presenti alla festa finale oltre quattromila bambini e questo dimostra che Un Giorno per Sport e A Scuola per Sport sono progetti che funzionano anche grazie all’organizzazione degli uffici dell’Assessorato allo Sport e della Safatletica”.

Come nelle edizioni passate è stato consegnato un premio alla scuola e agli insegnanti che hanno partecipato con una rappresentanza più numerosa e hanno fatto il miglior tifo sugli spalti durante lo svolgimento delle competizioni.

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore