/ Basket

Basket | 23 maggio 2018, 11:00

L’U16 Eccellenza a caccia della quarta Finale Nazionale PMS della stagione

Il punto di Marco Spanu sul Settore Giovanile

Marco Spanu

Marco Spanu

Dopo la vittoria del titolo regionale piemontese, l’U16 Eccellenza PMS si appresta ad affrontare la fase Interzona (dal 24 al 26 maggio ad Assisi), che assegnerà due posti per la Finale Nazionale di categoria, in programma a fine giugno a Bassano del Grappa.
Dopo l’U20 e l’U18 Eccellenza Maschile e le pari età del femminile, la formazione U16 è la quinta targata PMS che prende parte ad un raggruppamento Interzona e sono ben tre Finali Nazionali raggiunte (U20 maschile, U20 e U18 femminile), prova del successo del progetto giovanile avviato quest’anno – e destinato a protrarsi negli anni – con Marco Spanu, guida dei 2002 gialloblù e Responsabile Tecnico del Settore Giovanile.

IL PUNTO DI MARCO SPANU

“L’Under 16 è una squadra che è un piacere allenare. È bello stare in campo con questi ragazzi, si sono sempre allenati bene ed hanno raggiunto ottimi risultati: per la prima volta siamo riusciti a vincere un campionato regionale con l’annata 2002, ma non era per niente scontato o facile. Ad inizio stagione abbiamo unito tanti giocatori e si è formata subito una squadra, quindi è stato più facile allenarsi e ottenere dei risultati. Affronteremo purtroppo l’interzona senza l’apporto di Pietro Mortarino, sicuramente uno dei nostri giocatori di punta, ma questo ci da maggior stimolo per fare bene e lavorare di più, per far si che non si senta troppo la sua assenza.

Per quanto riguarda, invece, il lavoro svolto nel settore giovanile quest’anno, partendo dalle fasce alte è stata un’annata per i giocatori molto dispendiosa: l’U20 era il gruppo che ha fatto – con l’innesto dei Senior – anche la Serie B; l’U18 ha partecipato a tante tournée e dato il massimo in tutto, purtroppo siamo arrivati alla seconda parte di stagione non nelle migliori condizioni. Sono molto contento dello staff tecnico: Davide Semplici, Gabriele Longo e – in particolare – Iacopo Squarcina hanno svolto un lavoro esemplare. Sono molto contento del loro lavoro, di come hanno affrontato questa stagione. Per quanto riguarda i gruppi U14 e U15, dove onestamente ci interessa poco il risultato, ho visto dei miglioramenti incredibili da parte dei ragazzi, merito anche dello Staff tecnico, guidato da Matteo Mosso; con loro il nostro lavoro continua. In fine arriviamo all’U13 – un’età particolare, dove i ragazzi scoprono la pallacanestro dopo il minibasket – Davide e Gabriele hanno fatto un’ottimo lavoro, creando nei ragazzi un buon spirito di gruppo con prove positive, ma anche errori, parte fondamentale del processo di crescita.

L’essere retrocessi dalla Serie B con la nostra prima squadra non ci ha spaventati: coerentemente con il nostro progetto abbiamo fatto una squadra giovanissima, che dall’inizio dell’anno ha svolto un lavoro esemplare, trasformandosi in una squadra vera, capace di tenere testa a formazioni ben più attrezzate ed esperte. È da qui che ripartiremo l’anno prossimo, continuando così nel progetto di crescita e sviluppo dei nostri giovani”.

R.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium