/ Altri sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Altri sport | giovedì 14 giugno 2018, 08:00

Il bilancio della stagione dell'Itinera CUS Ad Maiora nelle parole di Lucas D'Angelo

E’ il Direttore Tecnico del progetto che abbraccia serie A, Bulls, Under 18, Under 16 e Under 14

Itinera Cus Torino dirigenti e tecnici con la Coppa dopo il successo dell'Under 18

La vittoria di domenica per 22-21 sul Monza 1949, nel torneo interregionale "Franco Clavarezza", dell'Under 18 dell'Itinera CUS Ad Maiora Rugby 1951, e la sua conseguente qualificazione al campionato Elite, ha concluso una stagione molto positiva della società biancoblù. A tracciare un bilancio complessivo è Lucas D'Angelo, Direttore Tecnico del progetto che abbraccia serie A, Bulls, Under 18, Under 16 e Under 14.

Partiamo dalla fine, il ritorno in Elite dell'Under 18?

Abbiamo avuto un mese di fuoco, con i playoff nei quali abbiamo affrontato nei quarti di finale il Fiumicello, in semifinale il Biella Rugby Club e nella finale secca il Monza. Abbiamo incontrato le tre squadre più forti del lotto e abbiamo chiuso imbattuti, con tre vittorie e due pareggi, segnando sempre più mete degli avversari: 4-2 contro Fiumicello, 9-6 contro il Biella e 4-3 contro Monza. Dal punto di vista del gioco questo è stato un aspetto molto confortante”.

Missione compiuta, dunque?

Per noi questa promozione era un obiettivo societario, per poter offrire ai nostri ragazzi, negli ultimi anni di formazione prima di approdare nel rugby seniores, la possibilità di disputare il massimo livello di campionato possibile. In questa stagione dalle fasi territoriali è andata in Elite direttamente solo una compagine e siamo stati noi. Lo staff ha lavorato molto bene e gli atleti hanno risposto alla grande”.

Cosa ti è piaciuto in modo particolare di questo gruppo?

La capacità che ha dimostrato di giocare sempre fino al 70', recuperando nei match di ritorno anche situazioni che erano diventate complicate. Dopo la sconfitta contro Savona nella seconda fase della regular season, non abbiamo più perso, andandoci a prendere le rivincite in casa degli avversari. Nella semifinale playoff di ritorno a Biella eravamo indietro di 12 punti a 6' dalla fine e in finale con il Monza abbiamo effettuato il sorpasso decisivo con l'ultima azione. Ci serviva la meta, perché un calcio non sarebbe bastato. Ragazzi di 17 anni, spesso e volentieri si abbattono per molto meno, mentre i nostri hanno mantenuto la mentalità vincente fino al termine”.

Una mentalità inculcata dai tecnici?

Lo staff ha svolto un grande lavoro e Luis Otaño, da vero condottiero, ha avuto il merito di delegare alcuni compiti a Sergiu Ursache e a Manuel Musso nel corso degli allenamenti. Fra loro si è creato un rapporto di collaborazione molto proficuo e tutti hanno gestito con notevole perizia i ragazzi in un momento delicato del loro percorso sportivo e umano”.

C'era una squadra favorita nei playoff?

Vedevo molto bene il Biella. Per quanto ci riguarda eravamo fiduciosi e i risultati ottenuti nel girone di ritorno ci inducevano a esserlo. Questo rientro in Elite a distanza di tre anni è un traguardo di grande significato. Ha pagato con l’approdo in Elite la scelta di mantenere nel gruppo dell'Under 18 gli atleti del 1999, così come nella scorsa stagione era stata produttiva la decisione di portare in prima squadra i giovani del '98, contribuendo alla promozione in serie A. Arrivando in Elite abbiamo svolto la parte difficile del lavoro, ora ci attende quella difficilissima e la porteremo avanti con il massimo slancio”.

Scendendo di categoria, come valuti la stagione dell'Under 16?

È stata un'ottima annata. Potevamo contare su un gruppo di 25 ragazzi, dunque un numero non molto alto, ma la percentuale di presenza agli allenamenti è stato elevatissima. Da 19 a 21 atleti c'erano sempre e questo ha consentito alla squadra di andare avanti in modo soddisfacente. Tutti hanno avuto dei picchi di prestazione molto interessanti, sotto la guida dei tecnici Nicolas Epifani, Roberto Modonutto e George Reeves, che, soprattutto nel girone di ritorno, hanno avuto il merito, di dare minutaggio a tutti i giocatori, per motivarli e garantire loro un'esperienza di qualità”.

La formula del campionato ora è cambiata. Quali sono le variazioni?

Fino all'anno scorso si svolgevano dei barrage preliminari, per ammettere le squadre all'Elite. Questa volta, invece, si partirà dai campionati territoriali e i team classificati ai primi posti andranno a giocare le fasi interregionali e poi l'Elite. Le prime quattro squadre classificate non erediteranno dunque più la posizione in Elite e ognuno raggiungerà l'obiettivo che sarà in grado di valere. L'esistenza dei barrage costringeva a costruire la squadra in un mese, condizionando i restanti nove mesi di attività, adesso ci sarà più tempo per giocare e crescere, preparandosi all'Elite”.

Venendo all'Under 14?

È l'annata più difficile da allenare, perché vede l'ingresso degli Under 12, abituati a giocare su un campo molto più piccolo. La crescita è stata comunque positiva valutando i ragazzi del 2004 che passeranno in Under 16 la prossima stagione. Stiamo già facendo gli allenamenti con le nuove leve e siccome i nostri ragazzi non hanno dei fisici imponenti, per fare la differenza rispetto alle altre squadre, dovremo focalizzare l'attenzione sul lavoro dal punto di vista tecnico”.

I Bulls hanno raggiunto l'obiettivo della salvezza in C1.

Punteremo a garantire loro lo staff tecnico di qualità più alta possibile, per dare ai ragazzi che arriveranno dal nostro settore juniores l'opportunità di proseguire la loro formazione. Alcuni giocatori che escono dal settore giovanile non sono ancora in grado di entrare in prima squadra e i Bulls dovranno rappresentare per loro una palestra importante. Sarà fondamentale che tutti rimangano all'interno del club, per dare il loro apporto alla causa comune e continuare la loro formazione rugbystica”.

La prima squadra ha avuto un rendimento in crescendo.

Abbiamo scelto di confermare l'ossatura che aveva conquistato la promozione in serie A e abbiamo inserito quattro classe 1998. Le dieci partite del primo girone sono state molto difficili, perché una buona parte dei ragazzi non aveva esperienza della categoria e abbiamo dunque patito l’innalzamento del livello tecnico e l'intensità del gioco. Alla fine non eravamo soddisfatti dei risultati ottenuti e c'è stato un confronto franco all’interno della squadra. Ognuno ha capito di dover potenziare il proprio impegno e il lavoro di tutti nella stessa direzione ci ha permesso di porre le basi per una seconda parte all'insegna dei progressi, sfociati nel secondo posto ottenuto alle spalle della Pro Recco”.

La ciliegina sulla torta è stato il terzo posto ai Campionati Nazionali Universitari?

Per la prima volta ci siamo qualificati sul campo alle finali e poi a Campobasso siamo andati oltre, ottenendo quel bronzo che ha rappresentato anche la prima medaglia cussina del rugby ai Cnu. Le buone prestazioni personali hanno anche fruttato la convocazione in Nazionale Seven ad Alessio Lozzi, che ha partecipato al Rovigo Rugby Festival ed è anche stato invitato al Roma Seven”.

L'ultima buona notizia è freschissima, vero?

Certamente e ne siamo veramente orgogliosi. Riccardo Genovese è stato chiamato all'Accademia Under 18 di Milano, una delle quattro rimaste operative su tutto il territorio nazionale. Come staff tecnico lo abbiamo spostato di ruolo, da centro a terza linea, e lui si è molto impegnato per metabolizzare questo cambiamento. Alla fine la sua incidenza nel gioco complessivo dell'Under 16 è stato evidente e spesso ha fatto la differenza”.

Con quale auspicio programmerete la prossima stagione?

Per me, come Direttore Tecnico e Head Coach della prima squadra, è stato un piacere lavorare quest'anno in una società che, a partire dal presidente Riccardo D'Elicio e dal presidente del CUS Ad Maiora Massimo Malvagna, ha fatto il possibile per mettere tutti nelle condizioni di lavorare al meglio e, come conseguenza di quella tranquillità, di ottenere dei risultati. Non posso che ringraziare loro e i dirigenti della sezione, guidati da Marco Pastore, per il loro impegno quotidiano. Sul fronte tecnico sono felice del rapporto che si è instaurato con gli staff di tutte le squadre. Operiamo a livello tecnico su un'unica linea, confrontandoci fra noi per risolvere i problemi che dobbiamo affrontare. Tutto è perfettibile, però continuando a remare nella stessa direzione, ognuno con la massima disponibilità, possiamo crescere tutti insieme”.

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore