/ Toro

Che tempo fa

Cerca nel web

Toro | venerdì 13 luglio 2018, 11:57

Meité, Bremer, Rosati: comincia a prendere forma il nuovo Toro

Barreca ceduto a Monaco, Molinaro verso il Frosinone. Intanto la squadra prosegue la preparazione a Bormio

Il francese Meité, nuovo acquisto granata (foto tratta da torinofc.it)

Il francese Meité, nuovo acquisto granata (foto tratta da torinofc.it)

Non sono nomi che solleticano la fantasia dei tifosi, come sta succedendo con i cugini bianconeri, tutti pazzi per Ronaldo, ma anche il Toro sta finalmente vedendo decollare il suo mercato.

Una settimana fa è arrivata la prima ufficialità, quella del difensore Izzo, prelevato dal Genoa dopo che si era fatta tremendamente in salita la strada che portava al brasiliano Verissimo, poi in questi ultimi giorni ecco altri tre volti nuovi. Il primo, in ordine di tempo, quello del francese Meité, arrivato dal Monaco nella trattativa che ha portato nel Principato Antonio Barreca: il 24enne Meité è un centrocampista moderno, dotato di fisico e piedi buoni, che vanta, nonostante la giovane età, già una buona esperienza a livello internazionale. Le sue doti di jolly dovrebbero consentirgli di diventare una pedina preziosa nello scacchiere di Mazzarri.

Per puntellare ulteriormente la difesa, che non avrà più Molinaro (ad un passo dal Frosinone allenato dall'ex granata Moreno Longo), è arrivato anche il brasiliano Bremer, prelevato dall’Atletico Mineiro. Il 21enne centrale è dotato di una struttura imponente, è il classico marcatore arcigno, che avrà il compito di incollarsi alla punta avversaria, giocando d’anticipo per far valere la sua velocità e fisicità.

Dopo che il giovane portiere Milinkovic-Savic è andato in prestito alla Spal, il Toro per il ruolo di vice Sirigu ha scelto di andare sull’esperienza, prelevando dal Perugia Antonio Rosati. I tifosi granata se lo ricordano bene perché, da portiere della Fiorentina, parò il rigore di Cerci all’ultimo minuto dell’ultima giornata del campionato 2013/2014, che sembrò far svanire il sogno dell’Europa League. Europa che venne poi conquistata dal club di Urbano Cairo grazie alle ben note traversie societarie del Parma.

Per il 3-5-2 tanto caro a Mazzarri, in arrivo c’è ancora, con ogni probabilità, un centrocampista esterno di qualità, come ha ammesso lo stesso presidente Cairo, mentre appare difficile che venga fatto qualcosa in attacco, a meno che venga ceduto uno tra Niang e Ljajic, ancora in ferie post Mondiale, liberando risorse economiche e spazio per nuovi innesti. Mentre, complice il rinnovo fino al 2023 per il rientrante Lukic, sembra prossimo al passo d'addio l'ex empolese Valdifiori.

Intanto la squadra sta proseguendo la preparazione in Valtellina: domani, sabato 14 luglio, alle ore 17 primo test amichevole della stagione, contro i dilettanti locali, poi alle 21 presentazione ufficiale della squadra nella piazza centale di Bormio.

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore