/ Sport invernali

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport invernali | sabato 04 agosto 2018, 10:33

Olimpiadi 2026, Appendino: "Nostra la proposta migliore. Ma sulla candidatura 'delle Alpi' ci rimettiamo alla decisione del governo nazionale"

Parziale apertura del sindaco di Torino, che risponde al presidente del Coni, Malagò, che oggi aveva annunciato la candidatura unitaria dell'Italia con Torino, Milano e Cortina insieme, ricevendo l'ok dalle ultime due

"La candidatura unitaria di tre città di tre diverse regioni per ospitare le Olimpiadi 2026 assume, nei fatti, i caratteri di una candidatura nazionale che va ben oltre i confini delle competenze politiche, gestionali e amministrative dei sindaci di Cortina, Milano e Torino. Proprio per questo motivo, penso che le decisioni in merito non spettino più alle singole amministrazioni, ma al Governo nazionale".

E' questo il passaggio più significativo della lettera che la sindaca di Torino, Chiara Appendino, ha scritto al presidente del Coni, Giovanni Malagò, che era in attesa di una risposta di Torino alla proposta di una candidatura unitaria della città, insieme a Cortina e Milano, per ospitare i Giochi Olimpici Invernali del 2026. Malagò aveva incassato nel tardo pomeriggio di oggi il sì dalle amministrazioni delle altre due città.

La sindaca di Torino non ha risparmiato una critica al Coni, sottolineando come sia "impossibile, di fatto, valutare in poche ore la fattibilità di una candidatura multipla che coinvolge più di una città". E ha sottolineato che "una candidatura unica sarebbe stata migliore".

"Rimaniamo poi convinti - conclude Appendino nella lettera, tradendo un pizzico di delusione - della bontà del lavoro da noi fin qui svolto e del fatto che la candidatura compatta di Torino con le sue montagne fosse la scelta migliore".

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore