/ Toro

Che tempo fa

Cerca nel web

Toro | domenica 12 agosto 2018, 10:00

Toro, scocca l’ora del debutto in Coppa Italia. Mazzarri: “Contro il Cosenza conta solo vincere”

Stasera i granata affrontano i calabresi: un minuto di silenzio e squadra col lutto al braccio per ricordare Giagnoni

Toro, scocca l’ora del debutto in Coppa Italia. Mazzarri: “Contro il Cosenza conta solo vincere”

Il tempo delle amichevoli è finito martedì nel tempio di Anfield contro il Liverpool: il Toro da stasera (ore 20,45, arbitro Abisso) fa sul serio, con la prima gara ufficiale, il debutto in Coppa Italia contro il Cosenza neopromosso in serie B.

In attesa che il mercato emetta gli ultimi verdetti (dopo la cessione di Obi al Chievo, in entrata Krunic e forse Ola Aina), mentre si continua a parlare di Zaza, piuttosto che dell’addio di Niang, adesso gli esperimenti lasciano spazio alle partite in cui sono in palio i tre punti o, come in questo caso, la qualificazione. Walter Mazzarri ne è consapevole: “Conta passare il turno. In ogni occasione dobbiamo dare il massimo e dovremo pensare soltanto a questo”. Concetti chiari, quelli del tecnico toscano, che si è detto soddisfatto del precampionato della squadra, sempre vincente e con la difesa imbattuta, prima del k.o. per 3-1 contro i vicecampioni d’Europa: “Finora i ragazzi si sono comportati bene e la prossima sfida sarà una verifica importantissima”.

L’obiettivo, ovvo, è provare a fare strada anche nella seconda competizione nazionale, tanto più che, almeno sulla carta, il percorso non è proibitivo: in caso di passaggio del turno, con ogni probabilità i granata se la vedranno  con il Frosinone dell’ex Longo e negli ottavi ad attenderli fin da ora c’è la Fiorentina.

Il Toro scenderà in campo con il lutto al braccio e prima dell’inizio verrà osservato un minuto di silenzio per ricordare Gustavo Giagnoni, l’allenatore con il colbacco, tecnico di una squadra tremendista che seppe sfiorare lo scudetto nei primi anni Settanta. “Era un grande uomo”, ha detto di lui Mazzarri, che era stato suo giocatore ai tempi di Cagliari. “Mi vengono i brividi a pensare a quei momenti. E’ stato un allenatore che mi ha aiutato a crescere tanto nella carriera quanto nella vita”. Quella di stasera sarà una partita dal sapore speciale per Gigi Lentini, che ripartì proprio dal Cosenza in serie B nel 2001, dopo il secondo addio al Torino, vivendo tre stagioni da protagonista.

Il doppio ex non sarà presente all’Olimpico, dove è atteso un discreto pubblico, nonostante l’imminente ferragosto, grazie alla politica di prezzi agevolati (10 euro le curve, 5 euro per gli Under 16 nei Distinti e in Tribuna Granata) decisa dalla società. E tra una settimana sarà già campionato, con l’attesa sfida contro la Roma.

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore