/ Juve

Juve | 25 agosto 2018, 20:25

Pjanic e Mandzukic: la Juve vince anche con la Lazio

Esordio vincente tra le mura amiche per la squadra di Allegri: con un gol per tempo i bianconeri piegano i biancocelesti. Ronaldo ancora a secco, a brillare è Bonucci nonostante i fischi della curva

Pjanic e Mandzukic: la Juve vince anche con la Lazio

Non bellissima, forse un po' troppo pasticciona, ma comunque vincente. La Juventus bagna l'esordio stagionale tra le mura amiche con un successo per 2-0 sulla Lazio che vale molto, a prescindere dalla prestazione che a questo punto della stagione non può essere certo perfetta.

I gol di Pjanic e Mandzukic possono far sorridere mister Allegri e i tifosi bianconeri, anche se qualche disattenzione di troppo si è comunque vista. Buon per i campioni d'Italia che la Lazio non ne abbia saputo approfittare, logico poi che il potenziale offensivo dei padroni di casa facesse la differenza. 

A tal proposito stona non aver visto ancora il nome di Cristiano Ronaldo nel tabellino dei marcatori, ma l'impressione è che sia soltanto questione di tempo: così come a Verona, anche oggi a fermare CR7 ci ha pensato la bravura del portiere avversario. Poco male, i gol per portare a casa i tre punti sono arrivati lo stesso.

Tra i singoli, da sottolineare la prova di Bonucci: fischiato da buona parte della curva, il numero 19 ha offerto una prestazione di alto livello. La miglior risposta a chi ancora non gli ha perdonato la "scappatella" con il Milan.

LA PARTITA

Per la prima davanti al proprio pubblico, Allegri sceglie il 4-3-3 con Szczęsny in porta; Cancelo, Bonucci, Chiellini e Alex Sandro in difesa; Khedira, Pjanic e Matuidi in mezzo al campo; Bernardeschi, Mandzukic e Ronaldo a formare il tridente offensivo. Rispetto a Verona, dunque, in panchina Cuadrado, Dybala e Douglas Costa.

Sul fronte opposto Simone Inzaghi conferma il 3-5-1-1 previsto alla vigilia. Spazio dunque a Strakosha tra i pali; Wallace, Acerbi e Radu a formare il reparto difensivo; Marusic, Parolo, Lucas Leiva, Milinkovic-Savic e Lulic a comporre la linea mediana; Luis Alberto a supporto di Immobile.

Nel riscaldamento pre-partita grandi ovazioni per Cristiano Ronaldo, mentre piovono copiosi i fischi per Leonardo Bonucci. Entrambe le reazioni del resto erano ampiamente prevedibili. Prima del fischio d'inizio la curva Scirea omaggia con un coro Claudio Marchisio: una sorta di saluto dopo la rescissione consensuale con la società. Poi, spazio alle emozioni del campo. Al 7' Ronaldo prova a sbloccare la partita con un colpo di testa, nessun problema per Strakosha.

All'11' la Juve pasticcia in difesa, Lulic va al tiro e Szczęsny si deve distendere per deviare in corner la conclusione del giocatore laziale. Al 16' ancora Lazio: Marusic da fuori area, comodo l'intervento del portiere della Juve che blocca. Intorno al 20' doppia occasione per i padroni di casa: azione travolgente conclusa da Khedira che coglie un palo clamoroso, a seguire Bernardeschi mantiene viva la sfera e dopo una gran giocata va al tiro trovando la prodigiosa risposta del numero uno biancoceleste. Lo Stadium si accende, applausi per i ragazzi di Allegri.

La Vecchia Signora insiste e al minuto 29 passa: Pjanic raccoglie una respinta corta della difesa ospite e da fuori area lascia partire un tracciante che non lascia scampo a Strakosha. Notevole nell'occasione la costruzione dell'azione bianconera, partita dalle retrovie e conclusasi con il gol del vantaggio. Sotto di un gol, la squadra di Inzaghi prova a riequilibrare la contesa al 33': il diagonale di Immobile è però troppo largo. Al 35' è invece Milinkovic-Savic ad andare al tiro, pallone fuori non di molto: a provocare la giocata del talento serbo uno dei troppi disimpegni errati della retroguardia campione d'Italia.

Che ci sia qualcosa da rivedere nel reparto difensivo della Juve appare chiaro anche al 38' quando ci vuole tutta la bravura di Bonucci (questa volta applaudito eccome) per arginare Immobile lanciato a rete. Al 41' riecco Ronaldo: botta smorzata dalla difesa, para Strakosha. Prima dell'intervallo ospiti pericolosi con Parolo che incorna un cross di Milinkovic-Savic non trovando però il bersaglio. Sì va così al riposo con la Juventus avanti 1-0.

Nessuna novità in avvio di ripresa, si riprende a giocare e al 50' la compagine bianconera sfiora il bis: guizzo di Ronaldo sulla sinistra e traversone che Mandzukic tocca ma senza riuscire ad indirizzare verso la porta. Al 54' tiro di Matuidi da circa 30 metri, pallone ampiamente sopra la traversa: prestazione sotto tono per il numero 14 di casa, a prescindere dal singolo episodio. Al 58' Luis Alberto tenta il colpo ad effetto da fuori area, Szczęsny controlla il pallone che finisce sul fondo. Primo cambio del match: Allegri sostituisce Bernardeschi con Douglas Costa. Al 64' doppia sostituzione nelle file  della Lazio: Parolo e Luis Alberto lasciano il campo in favore di Badelj e Correa.

Al 69' nuovo cambio per la squadra di casa: esce Pjanic, l'autore del gol, al suo posto Emre Can. Un minuto dopo Ronaldo infiamma lo stadio: destro a giro sotto la traversa, miracolo di Strakosha. Grande la giocata di CR7, grandissima la risposta del portiere albanese. Juve vicina al raddoppio che però arriva al minuto 75': Cancelo irrompe sulla destra e mette in mezzo dove Strakosha sfiora mandando fuori tempo Ronaldo, sul pallone si avventa comunque Mandzukic che scarica in rete. Ad un quarto d'ora dalla fine partita in ghiaccio per la Signora.

Ultimo cambio per Inzaghi: fuori Milinkovic-Savic, dentro Durmisi. Risponde Allegri con Bentancur in sostituzione di Khedira. La gara si chiude con la Juve a caccia del tris che non arriverà. Finisce così 2-0, tra gli applausi di un pubblico che si gode la seconda vittoria in altrettante gare di campionato.

IL TABELLINO

JUVENTUS-LAZIO 2-0

RETI: 30' Pjanic (J), 75' Mandzukic (J).

JUVENTUS (4-3-3): Szczęsny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira (84' Bentancur), Pjanic (69' Can), Matuidi; Bernardeschi (60' Douglas Costa), Mandzukic, Ronaldo.

A DISPOSIZIONE: Perin, Pinsoglio, Rugani, Barzagli, Benatia, Cuadrado, Dybala.

ALLENATORE: Massimiliano Allegri.

LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Wallace, Acerbi, Radu; Marusic, Parolo (64' Badelj), Leiva, Milinkovic (79' Durmisi), Lulic; Luis Alberto (64' Correa); Immobile.

A DISPOSIZIONE: Proto, Guerrieri, Bastos, Caceres, Basta, Cataldi, Murgia, Caicedo, Rossi.


ALLENATORE: Simone Inzaghi.

ARBITRO: Massimiliano Irrati di Pistoia

AMMONITI: 45'+1' Alex Sandro (J), 52' Parolo (L), 66' Milinkovic (L), 81' Douglas Costa (J), 87' Can (J)

Roberto Vassallo

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium