/ Sport invernali

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport invernali | martedì 11 settembre 2018, 14:26

La sindaca Appendino chiede pari dignità per Torino nella candidatura a tre per le Olimpiadi del 2026. Giorgetti ottimista

"Il Governo faccia da garante", ha detto dopo l'incontro con il sottosegretario con delega allo Sport. Che di suo ha aggiunto: "Questa è una candidatura dell'Italia e non di una singola città"

"In caso di candidatura a tre deve essere il Governo a gestire il processo, facendosi garante dal punto di vista economico, finanziario e di obbligazioni." A dirlo è il sindaco di Torino Chiara Appendino al termine dell'incontro con il sottosegretario con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti sulla candidatura italiana per le Olimpiadi invernali 2026.

La delegazione piemontese è stata la prima della giornata ad entrare a Palazzo Chigi: a seguire Cortina e il Veneto, mentre ieri è stato il turno della Lombardia ed il sindaco di Milano Beppe Sala. Incontri ai quali ha preso parte anche il Governo il Coni, rappresentato dal presidente, Giovanni Malagò. 

Durante il faccia a faccia Appendino ha ribadito la superiorità del dossier del capoluogo piemontese e delle sue valli, rispetto alla candidatura unica a tre di Cortina, Milano e Torino decisa dal Coni. "Per rispetto istituzionale nei confronti del Governo lasciamo che sia l'Esecutivo a fare le sue valutazioni".

"Giorgetti ci ha detto che sarà fatta un'analisi costi-benefici sul nuovo modello proposto", ha aggiunto la sindaca di Torino. E poi il sottosegretario con delega allo Sport si è detto ottimista su una soluzione positiva e condivisa da tutte e tre le città coinvolte: "La decisione sarà presa entro il 18 settembre, il garante finale è il governo e per questo faremo un'ultima valutazione. Non abbiamo concluso tutto il percorso, ma oggi ci sono più certezze che dubbi".

"Questa è una candidatura dell'Italia e non di una singola città", ha spiegato Giorgetti.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore