/ torinosportiva.it

Che tempo fa

Cerca nel web

torinosportiva.it | domenica 21 ottobre 2018, 17:35

La Juventus Women a valanga sulla Roma: 4 a 0

Glionna prima ed una tripletta della Aluko condannano le capitoline alla terza sconfitta consecutiva di questo campionato

Eniola Aluko

Eniola Aluko

Non accenna a decrescere il periodo negativo della Roma femminile che cade contro la Juventus Women: 0 a 4 nella partita di esordio davanti al proprio pubblico. Glionna prima ed una tripletta di Aluko la condannano alla terza sconfitta consecutiva di questo campionato, che vede le giallorosse tristemente in fondo alla classifica a 0 punti, in attesa del recupero della gara contro il Tavagnacco.

La Juve ha la prima clamorosa occasione trascorsi 5 minuti appena:  per un fallo di mano in area di rigore commesso dal difensore giallorosso Ciccotti l’arbitro Arena di Torre del Greco concede il calcio di rigori che calcia Girelli ma che Pipitone - buttatosi alla sua sinistra - devia in calcio d'angolo.

L’estremo giallorosso si ripete 10 minuti dopo su tiro dai 116 metri della Boattin, ma nulla puà poco prima della mezz’ora su un diagonale dal limite della Glionna che fa 1 a 0 per la Juve.

Dopo un infortunio della Simonetti perché colpita dal difensore bianconero Galli, la Roma va vicina al pareggio con Bartoli che, dal limite dell'area di rigore, tira alto sopra la traversa.

Il secondo tempo è un monologo bianconero: se si eccettua azione di contropiede della Bonfantini che, dalla trequarti, calcia un potente sinistro che colpisce la traversa.

Il raddoppio delle bianconere  arriva con una girata di Girelli deviata dalla compagna di squadra Aluko che sorprende Pipitone. Al 73’ la Juve fa “tre”: Bonansea si fa tutta la fascia sinistra e crossa al centro per Aluko che segna indisturbata il terzo gol. Passano 12 minuti e le ragazze di Rita Guarino calano il poker: la Sikora offre l'assist in area di rigore per la Bonansea che, a sua volta, passa alla Aluko un delizioso pallone che questa deve solo spingere in porta: 4 a 0.

La partita si può dire finisca lì.

W.A.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore