/ Calcio

Calcio | 23 ottobre 2018, 08:15

SAN GIORGIO IN VETTA IN PRIMA D - Luigi Vernillo: "Vogliamo continuare a stupire"

Momento fantastico per i torinesi di Longo: +3 su Barcanova, Caselette e Bacigalupo

Luigi Vernillo e il San Giorgio

Luigi Vernillo e il San Giorgio

"Vogliamo continuare a stupire...". San Giorgio Torino in testa al campionato di Prima Categoria girone D a +3 sul trio Caselette-Barcanova-Bacigalupo. Una partenza-sprint in via Nitti a Torino, tanti giovani sugli scudi, un bomber come Ruvolo in stato di grazia, un cammino molto positivo anche in Coppa (terza fase ad un passo, bisognerà difendere il 2-0 al Pozzomaina). Una sorpresa? Lo abbiamo chiesto ad uno dei leader della squadra, il classe '85 Luigi Vernillo, esterno destro offensivo nel 4-2-3-1 di mister Longo.

Vernillo, cresciuto calcisticamente nel Rapid, ex Paradiso, Rivoli, All Blacks, Bacigalupo e Carrara, ai nostri microfoni: "Il San Giorgio è una realtà in crescita e l'anno scorso per un soffio non sono arrivati i playoffs dopo un ottimo campionato. Per questo siamo sorpresi, ma non così tanto, dell'attuale posizione in classifica. Per noi è un momento di grande entusiasmo da gestire con saggezza e umiltà. Quello che è mancato in passato è stato continuità ed esperienza e in questa stagione, dopo aver perso Quattrocchi e lo storico capitano Montone che comunque è sempre con noi ad allenarsi, stiamo raccogliendo i frutti dell'eccellente lavoro svolto con un'ossatura consolidata, accompagnata da nuovi rinforzi come Lobascio, Costantino, Gibiino e da tanti giovani bravi. Io sono un classe 1985 e sono il più vecchio del gruppo assieme a Zaccone e Borrelli, anche lui ex Carrara ed Orione. Cerchiamo di dare input sempre positivi, di tenere unito il gruppo e di ragionare su una partita alla volta, domenica dopo domenica". E il bomber Ruvolo, il portiere Gallina, Valasco, Russo, Pagni, Robaudi, Vaiano, Calzavara (jolly domenica contro il Giaveno), Cifarelli, Carbone, Martin e compagni stanno seguendo le linee-guide del mister Longo e dei leader carismatici del gruppo alla lettera.

Continua Vernillo: "Due anni fa al Carrara una squadra apparentemente normale nella quale militavo vinse 11 partite di fila. Riuscimmo a stupire creando un'enorme consapevolezza dentro lo spogliatoio. Ecco, questo San Giorgio mi ricorda quel Carrara e dovremo seguire proprio quelle tracce per fare ancora meglio. Ci sono tante analogie".

Sei vittorie e un pareggio per il San Giorgio: "Ed è proprio quel pareggino con l'Auxilium Valdocco l'unico rimpianto...E' una squadra tosta, come tante del girone, ma oggi potevamo essere a punteggio pieno. Quella partita deve insegnarci qualcosa, perchè siamo stati brillantissimi nel primo tempo per poi rincorrere l'avversario nella ripresa pareggiando alla fine. L'aspetto sul quale dobbiamo riflettere è gestire con bravura le difficoltà e i momenti storti, che inevitabilmente nell'arco della stagione arriveranno. E' lì che dovremo essere una squadra forte, tutti assieme remando verso il nostro obiettivo che è certamente quello di salvarci e magari arrivare anche ai playoffs. Il mister Longo? E' bravissimo a far giocare tutti riuscendo a capire il miglior momento per utilizzare i 23 elementi della rosa. Siamo tanti, ma tutti hanno delle opportunità per mettersi in mostra".

Le favorite? Vernillo: "Secondo me sono tutte lì in fila. Barcanova, Bacigalupo, Caselette...E' un po' indietro il Pozzomaina, ma sono sicuro che farà parte delle grandi del campionato. E occhio anche al GiavenoCoazze. Non capisco come faccia ad avere solo 6 punti, è una formazione con grandi individualità".

Il futuro: "C'è tanto entusiasmo e fiducia, ma soprattutto non abbiamo pressioni. Il San Giorgio vuole continuare a stupire..."

 

 

Michele Rizzitano

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium