/ Juve

Che tempo fa

Cerca nel web

Juve | martedì 23 ottobre 2018, 11:29

Champions League, la Juve all'esame Old Trafford: questa sera la sfida con il Manchester United

Alle 21 la super sfida del terzo turno, i bianconeri ritrovano Pogba e il grande nemico Mourinho. Allegri: "Ci vorrà il piacere di giocare a calcio". Gara da ex anche per Ronaldo: "Tornare qui è un'emozione molto importante".

Champions League, la Juve all'esame Old Trafford: questa sera la sfida con il Manchester United

Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare. Si può introdurre così il big match della terza giornata del gruppo H della Champions League tra Manchester United e Juventus. Questa sera (ore 21, arbitro il serbo Milorad Mažić)  nel leggendario Old Trafford si affrontano due tra i club più forti del calcio continentale, ma i motivi di interesse che alimentano la sfida sono molteplici: dai grandi ex equamente divisi (Ronaldo e Pogba), fino al rapporto non proprio idilliaco tra l'ex interista Mourinho (oggi manager degli inglesi) e il mondo Juve. Alla vigilia del match, ecco le parole di Massimiliano Allegri:

"Questo è un mese importante e non l'abbiamo iniziato bene – il pensiero dell'allenatore bianconero - è un passaggio importante perché in caso di vittoria possiamo ipotecare il passaggio del turno. Il Manchester è una squadra molto fisica, dobbiamo giocare bene tecnicamente altrimenti troveremo difficoltà. Ci vorrà una partita di grande lucidità e dovremo essere bravi e precisi con il pallone tra i piedi: loro hanno un'alternativa della palla alta che noi non possiamo avere".

In vista della sfida con i Red Devils, il mister livornese ha colto l’occasione per elogiare i giovani protagonisti del match e il collega seduto sulla panchina avversaria: "Oltre a Pogba troveremo tanti giocatori forti, tra cui Martialha dichiarato Allegri - molti giovani validi come li abbiamo noi: per tutti sarà un test importante per il futuro dei singoli giocatori. Lo United ha tecnica, velocità e fisicità, Mourinho è un allenatore molto esperto e noi dovremo fare una partita giusta sotto tutti i punti di vista. Ci servirà per rientrare dopo lo stop con il Genoa e stare 100 minuti dentro il campo, perché qui le partite non finiscono mai. Ci vorrà il piacere di giocare a calcio".

Infine, poche anticipazioni sulla formazione, sicuramente priva di Mandzukic ("Comunque non avrebbe giocato, è rimasto a Torino perché dolorante ma conto di recuperarlo presto") e Khedira ("La prossima settimana dovrebbe essere in gruppo"). "Senza Mario possiamo giocare senza centravanti o con uno con caratteristiche diverse – la chiosa dell’allenatore - non so ancora se con i tre davanti o con due. Centrocampo a due? Non ho deciso, Cuadrado può fare la mezzala oppure possiamo giocare con tre difensori ma non credo perché così ci incartiamo. Quindi continueremo a quattro. Bernardeschi? Non so se Federico giocherà titolare domani, per lui come per gli altri questa partita può essere un passaggio per diventare grande".

In conferenza stampa con Allegri anche Cristiano Ronaldo, protagonista di tanti trionfi del club rosso di Manchester:

"Sarà una gara difficile – le parole di CR7 – lo United ha un'ottima squadra, ma noi abbiamo le nostre armi. Se giochiamo bene e giochiamo come ci vuole far giocare il mister, abbiamo la possibilità di vincere la partita. Ma dobbiamo rispettare il Manchester, che ha una squadra fantastica e un grande allenatore. Cosa si prova a tornare qui? Tornare qui è un'emozione molto importante, qui ho vinto tutti i trofei. E mi ricordo della tifoseria, quella di Manchester è incredibile. Non mi dimentico neanche di Sir Alex Ferguson, una persona fondamentale, gli auguro tutto il meglio".

E a chi lo ha incalzato sul suo particolare momento personale, il portoghese ha risposto così: "Sono un uomo contento, felice. Mi sto divertendo a giocare a pallone, mi sto godendo la mia vita e ho persone che si occupano di questi aspetti (il caso Mayorga ndr). Poi alla fine la verità verrà fuori, la verità per me è la cosa più importante".

 

PROBABILI FORMAZIONI

MANCHESTER UNITED (4-2-3-1): De Gea; Young, Smalling, Lindelof, Shaw; Matic, Pogba; Rashford, Mata, Martial; Lukaku.

ALLENATORE: Josè Mourinho.

 

JUVENTUS (4-3-3): Szczęsny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic, Matuidi; Dybala, Cristiano Ronaldo, Bernardeschi.

ALLENATORE: Massimiliano Allegri.

Roberto Vassallo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore