/ Motori

Che tempo fa

Cerca nel web

Motori | martedì 06 novembre 2018, 18:03

Il mito delle Mini di scena a Torino

Consegnato un contributo all’Ospedale Infantile Regina Margherita di settemila euro, destinato all’acquisto di un’apparecchiatura laser di nuova concezione che a tutt’oggi nessuna struttura pubblica possiede

Il mito delle Mini di scena a Torino

Per appassionati e collezionisti della vecchia Mini, The italian Job è il titolo di un film che fece epoca dove le protagoniste erano tre auto che, dopo un furto di lingotti d’oro a Torino, si danno ad una fuga rocambolesca per i luoghi più classici della citta con scene spettacolari. Indimenticabili quelle dell’attraversamento del Po alla diga dei Murazzi, sul tetto di Palazzo a Vela, nel sottopasso di Porta Nuova, sotto i portici o sul tetto del Lingotto.  Il film , girato cinquant’anni fa, ha avuto un remake nel 2003 , con protagoniste le vetture di nuova  produzione  , luogo di inseguimenti e fughe Los Angeles. Tra l’altro forse non tutti sanno che le Mini del film sono state costruite appositamente con motori elettrici per poter girare le scene nella città statunitensae.

Ma The Italian Job è anche un’associazione benefica nata nel 1990 che si occupa di opere e progetti a sostegno della gioventù disagiata, e raccoglie fondi per queste iniziative. Tra queste , il classico viaggio con le Mini dall’Inghilterra all’Italia, destinazione Torino e i luoghi del film. La manifestazione, un tempo riservata agli inglesi, ha lentamente coinvolto anche gli appassionati italiani, che in questa edizione sono stati felici di affiancare gli appassionati d’oltre manica. Cosi’, nella giornata del primo di novembre, 32 Mini inglesi e 19 italiane si sono unite per festeggiare il cinquantesimo anniversario dello storico film.

Salendo la vecchia rampa elicoidale del Lingotto , sul tetto dello stabilimento per le foto di rito, dopo aver percorso l’affascinante curva sopraelevata , via per un lungo corteo per il centro di Torino, rivivendo  i luoghi del mitico film,  Palazzo Vela, i Murazzi, gli scaloni della Gran Madre, i portici di Piazza Vittorio  e piazza San Carlo.

Con una simpatica cerimonia si è svolta la consegna dei contributi raccolti a favore dell’Ospedale Infantile Regina Margherita, , una somma di settemila euro destinata all’acquisto di un’apparecchiatura  laser di nuova concezione  che a tutt’oggi nessuna struttura pubblica possiede.

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore