/ torinosportiva.it

torinosportiva.it | martedì 06 novembre 2018, 10:01

Itinera Cus Ad Maiora Rugby 1951, secondo successo consecutivo per i Bulls, la Seniores cade a Piacenza

Una domenica in chiaroscuro

Itinera Cus Ad Maiora Rugby 1951, secondo successo consecutivo per i Bulls, la Seniores cade a Piacenza

E’stata una domenica in chiaro scuro per l’Itinera CUS Ad Maiora Rugby 1951 : mentre da una parte si celebra la seconda vittoria consecutiva dei Bulls di Serie C, che in casa hanno sconfitto gli ospiti del Riviera Rugby 17-13, umori completamente opposti in casa Seniores, poiché la maschile di Serie A a Piacenza esce sconfitta dal confronto contro i Lyons padroni di casa che hanno superato i torinesi 31-16, dopo una partita molto combattuta.

L’errore dell’Itinera CUS Torino è stato concedere troppo agli avversari durante la prima frazione di gara, terminata solo con i punti da calcio piazzato di Facundo Colomba (3/3). Nel secondo tempo la meta di Bussolino (24-16), nata da un calcetto che coglie la difesa avversaria impreparata, ridà speranza ai torinesi che costringono gli avversari nella loro metà campo per diverso tempo. Complice un po’ di sfortuna e imprecisione la squadra di coach D’angelo non riesce a capitalizzare le occasioni, e sui contrattacchi del Lyons Rugby subisce la meta del definitivo 31-16.

I Bulls invece continuano la loro corsa nel campionato cadetto, sconfiggendo il Riviera Rugby. Dopo aver dominato per lunghi tratti il primo tempo, concluso però in svantaggio (0-8), i biancoblu sono rientrati in campo più agguerriti di prima, colpendo subito con la meta di Mirante abile nel concludere un’azione con palla all’ala (5-8). Il pacchetto degli avanti ha giocato un ruolo chiave nell’economia della partita, e infatti grazie ad una maul il CUS Torino riesce a portarsi in vantaggio con la meta di Narcisi (10-8).

Complice un po’ di sfortuna gli avversari intercettano un passaggio, segnando la meta del sorpasso in contropiede (10-13). Il CUS però non si da per vinto e costringe gli avversari a diverse mischie a 5 metri dall’area di meta, fino al 77’ quando dopo aver evidenziato grande superiorità in diverse mischie l’arbitro decide di assegnare la meta tecnica del 17-13, che regala la vittoria a coach Bianco e ai suoi ragazzi.

R.T.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore