/ Toro

Che tempo fa

Cerca nel web

Toro | domenica 02 dicembre 2018, 08:00

Mazzarri: “Toro, è l’ora di cambiare marcia e tornare a vincere”

Contro il Genoa il tecnico toscano torna alla guida della squadra dopo il malore della settimana scorsa: “Sono più carico e in salute di prima”

Mazzarri: “Toro, è l’ora di cambiare marcia e tornare a vincere”

Un solo successo nelle ultime cinque giornate. Un bilancio insufficiente, se l’obiettivo è l’Europa. Contro il Genoa, nelle sfida delle ore 15 allo stadio Olimpico, il Toro è chiamato a vincere, non ha usati giri di parole il mister: “Dobbiamo essere più determinati e cinici, bisogna cambiare marcia”.

Walter Mazzarri da giovedì ha ripreso in mano la squadra, dopo il malore accusato la settimana scorsa che gli aveva fatto saltare la trasferta di Cagliari, inevitabile tornare su quanto è successo: “Faccio un mestiere nel quale sono abituato a fare le scelte, stavolta le ho subite dal dottore e dal presidente”, ha esordito. “Avevo bisogno di fermarmi un attimo, credo che mi abbia fatto bene e ora sono più in salute e più carico di prima”, pronto oggi pomeriggio a tornare in panchina. “Voglio ringraziare i miei colleghi per il tanto affetto e la considerazione che mi hanno dimostrato, mi sono commosso: non mi aspettavo che la gente mi volesse più bene di quanto forse me ne voglio io”.

Ma il tecnico è stato colpito anche dalla vicinanza della squadra: “I ragazzi erano preoccupati per la mia salute, l’ho percepito, ho visto un coinvolgimento umano importante e li ringrazio. Spero che questo ci faccia essere ancora più forti, tutti insieme”. Quella vittoria che la squadra aveva promesso di regalargli a Cagliari non è arrivata, ma Mazzarri si è detto comunque soddisfatto della prestazione: “C’è stata anche sfortuna, come prestazione penso che non solo nell’ultima occasione ma anche in altre avremmo meritato qualche punto in più. Solo con Napoli e Parma abbiamo sbagliato e meritato di perdere”.

Ma proprio la sconfitta contro il Parma, nell’ultima gara casalinga, è un monito da cui ripartire: “Dobbiamo ricordarci quello che abbiamo sbagliato, concedendo ripartenze a una squadra forte, bisognerà ripartire da questa considerazione, il Genoa ha giocatori rapidi, bisogna essere attenti”. Forse c’è anche qualcosa che (non) scatta nella testa dei giocatori, che finora all’Olimpico hanno fatto fatica, mentre in trasferta sono ancora imbattuti, per questo Mazzarri ha deciso di cambiare rispetto al passato: “Probabilmente il fatto di giocare nel nostro stadio responsabilizza ancora di più i giocatori, vorrebbero spaccare il mondo. Abbiamo cercato di intervenire, faremo degli accorgimenti: il discorso che faccio di solito prima di uscire dall’albergo lo farò qui allo stadio, a volte il viaggio può far perdere questa carica in più”.

Pur non sbilanciandosi sugli undici che manderà in campo, lascia aperta la porta all’ipotesi di schierare il tridente: “Valutando i 90 minuti si deve anche pensare al calo degli avversari, una partita non è mai uguale ad un’altra”. Più di Iago Falque-Belotti-Zaza, però, nel trio offensivo potrebbe trovare spazio il giovane Parigini: “A me piace attaccare in tanti, ma quando perdiamo palla dobbiamo essere bravi a recuperarla, lui è quello che sembra più attento a questo tipo di situazioni”, ha detto Mazzarri.

Il ragazzo è uno di quelli che tengo più in considerazione: è molto duttile, ha un grande futuro davanti, se continua così”. La squadra che affronterà il Genoa sarà molto diversa da quella di giovedì sera in Coppa Italia (“sono contento che arrivi la sfida contro il Sudtirol, così posso capire da chi gioca meno se le sensazioni in allenamento sono giuste”), la cosa positiva è che l’infermeria finalmente si è svuotata: “Al momento c’è l’imbarazzo della scelta”.

Quello che conta, per Mazzarri, è che il Toro ricominci a vincere. E per una volta, complice la classifica corta, il tecnico si lascia scappare qualcosa: “L’Europa? Non ci dobbiamo porre limiti né in positivo né in negativo”. A patto di cambiare marcia. Già da oggi.

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore