/ Toro

Che tempo fa

Cerca nel web

Toro | sabato 15 dicembre 2018, 22:37

La follia di Zaza e il rigore di Ronaldo puniscono un bel Toro, il derby dice ancora una volta Juve (FOTO e VIDEO)

Un insensato retropassaggio dell’ex costringe Ichazo (sostituto dell’infortunato Sirigu) a stendere Mandzukic. CR7 trasforma e regala l’ennesima vittoria ai suoi

La follia di Zaza e il rigore di Ronaldo puniscono un bel Toro, il derby dice ancora una volta Juve (FOTO e VIDEO)

La legge dell’ex ha deciso il derby della Mole. Ma non è stata quella che si auguravano i tifosi granata, perché Simone Zaza, con un insensato e inutile retropassaggio verso Ichazo (sostituto dell’infortunato Sirigu) costringe il portiere granata al fallo da rigore che Ronaldo trasforma, decidendo una partita fino a quel punto molto equilibrata, nella quale la squadra di Walter Mazzarri aveva fatto vedere per larghi tratti le cose migliori.

La Juve non ha incantato, in mezzo al campo ha giocato sotto ritmo, specie con Pjanic, i suoi tre frombolieri offensivi sono stati a lungo annullati dall’ottima difesa granata, ma alla fine Allegri ha avuto ancora una volta ragione, grazie all’acuto del suo solista migliore, che nell'occasione ha messo a segno una rete storica, la numero 5000 della Vecchia Signora in serie A. I bianconeri volano a quota 46, continuando a macinare record su record, mentre per il Toro adesso la vera prova del nove sarà reagire da squadra vera alla sconfitta, senza crollare come è spesse volte successo in questi ultimi anni.

Un Belotti generosissimo, trascinatore e capitano vero, una difesa tutta quanta all’altezza e un centrocampo muscolare avevano saputo tenere a lungo in scacco la capolista, poi è arrivato il clamoroso harikiri di Zaza che ha deciso la sfida, colorando ancora una volta di bianconero la stracittadina torinese. E alla fine l’assenza di Iago Falque è risultata pesantissima per gli uomini di Mazzarri.

Cronaca. Nuovo record di paganti allo Stadio Olimpico grazie al derby: alla quota abbonati di 11.053 persone si aggiungono i 15.535 paganti, per un totale di 26.588 spettatori. L'incasso totale è di 860.977 euro. Coreografie da brividi al momento dell’ingresso delle squadre. La Maratona ha omaggiato il tecnico dell’ultimo scudetto con lo striscione “Radice sempre nel nostro cuore in basso”, mentre l’intera curva ha sfoggiato una splendida coreografia con su scritto “Nessuna paura. Zero timori. In campo vogliamo… 11 tori!”, cui ha risposto un “A testa alta!” esposto nel settore ospiti.

Parte meglio il Toro ma la prima conclusione verso la porta è di Ronaldo, che però calcia malissimo un calcio di punizione da posizione defilata, con la palla che finisce addirittura in fallo laterale. Ma al quarto d’ora CR7 calcia con grande prontezza appena dentro l’area e Sirigu deve sfoderare un mezzo miracolo per salvare in corner. Nell’occasione il portiere si fa male, dopo che aveva accusato un problema già in precedenza in un scontro sugli sviluppi di un corner, ma il numero uno granata stinge i denti e resta in campo. Poco dopo, però, chiamato in causa da un retropassaggio di un compagno, nello spazzare in fallo laterale si accascia a terra ed è costretto a chiedere il cambio, al suo posto dentro al 20’ Ichazo.

Subito dopo la formazione di Mazzarri ha il primo spunto offensivo importante, ma Belotti e Zaza non si capiscono, vanificando tutto. Poco dopo Zaza ammonito per un fallaccio inutile in scivolata a metà campo, mentre al minuto 32 c’è la prima grande occasione per il Toro, sugli sviluppi di un calcio di punizione, ma la torre aerea di Belotti non viene sfruttata a due passi dalla porta da Izzo, spintosi nell’area avversaria, con la difesa bianconera che si salva in qualche modo. E’ il momento migliore della squadra di Mazzarri, che poco dopo chiama Perin in causa con Zaza, al termine di un contropiede condotto dall’ex juventino. Prima dell’intervallo, su azione d’angolo, Chiellini costringe Ichazo alla sua prima parata, poi è il Toro a riprendere a macinare gioco, anche se non conclude mai verso la porta di Perin.

I granata ripartono bene anche nella ripresa, con Belotti che costringe all’intervento da giallo prima Pianjc e poi Emre Can, la squadra di Mazzarri insiste e sempre con il Gallo Belotti (tiro deviato) sfiora il vantaggio, con il pallone che si spegne sull’esterno della rete sopra la traversa, dando pure l’illusione ottica del gol. La risposta della Juve arriva al 10’ da un’incursione di Ronaldo, ne nasce un mischione risolto da Ichazo e Djidji. Al 12’ Baselli salva su un tiro quasi a colpo sicuro di Dybala, dopo la torre perfetta di Mandzukic, con la Juve che inizia a prendere il comando delle operazioni.

Nel momento in cui la gara è tornata in equilibrio, un clamoroso errore di Zaza, che cerca un insensato passaggio all’indietro verso Ichazo, costringe il portiere granata a stendere in area Mandzukic: Ronaldo trasforma il rigore e poi si rende protagonista di un siparietto polemico con Ichazo, che per fortuna non crea una rissa per il pronto intervento dell’arbitro Guida. La partita si incattivisce e iniziano a fioccare i cartellini, mentre il fuorigioco rende inutile il 2-0 di Mandzukic al 27’, sugli sviluppi di un calcio di punizione pennellato di Pjanic.

Il Toro dà la sensazione di aver subito il contraccolpo del gol subito e non riesce più a macinare gioco come prima, così Mazzarri alla mezz’ora della ripresa prova a regalare nuova verve ai suoi togliendo Ansaldi per affidarsi alla freschezza e alla velocità di Parigini. Poco dopo il tecnico gioca l’ultima carta, togliendo Ola Aina per inserire Berenguer nel tentativo di avere più fantasia. La benzina del Toro però si è esaurita e nel recupero Ronaldo potrebbe persino raddoppiare, ma sarebbe stata una punizione eccessiva e immeritata per i granata.

Torino – Juventus 0-1

TORINO (3-5-2): Sirigu (20’ Ichazo); Izzo, Nkoulou, Djidji; Ola Aina (39’ st Berenguer), Baselli, Rincon, Meite, Ansaldi (30’ st Parigini); Zaza, Belotti. All. Mazzarri

 JUVENTUS (4-3-1-2): Perin; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Emre Can, Pjanic, Matuidi; Dybala; Mandzukic, Ronaldo. All. Allegri

Arbitro: Guida di Torre Annunziata

Rete: 25’ st Ronaldo (rig.)

Ammoniti: Zaza, Pjanic, Emre Can, Ronaldo, Ansaldi, Perin

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore