/ torinosportiva.it

Che tempo fa

Cerca nel web

torinosportiva.it | lunedì 24 dicembre 2018, 07:00

Remondina e Basso sono i vincitori del Memorial “Giorgio Minini” di tennis

Battuti rispettivamente Corinna Dentoni e Pietro Licciardi

Andrea Basso

Andrea Basso

Due settimane di grande tennis si sono concluse oggi sui campi del TC Chatillon St. Vincent (Ao) con la 21esima edizione del Memorial “Giorgio Minini”, Open nazionale maschile e femminile con montepremi di 13.000 euro complessivi (uno dei più alti in assoluto in Italia). Le ostilità di campo si sono aperte alle 14 con la sfida al femminile tra Anna Giulia Remondina, già numero 219 della classifica mondiale (era il 2011) e Corinna Dentoni, già numero 132 Wta, massese capace di emergere a livello giovanile e distinguersi anche per la grazia e la bellezza fuori dal terreno di gioco. E’ stata proprio la toscana a partire meglio, con un buon ritmo nei fondamentali e chiudere il set iniziale sul 6-2. Nel secondo Anna Giulia Remondina ha ritrovato le migliori cadenze e dopo il break incamerato in apertura ha cambiato passo.

Pareggiati i conti nei set ha ripreso a macinare gioco e colpi d’incontro con maestria arrivando al titolo dopo 2 otre e 15 minuti sullo score complessivo di 2-6 6-2 6-3: “Ho subito la sua buona partenza – ha confermato a caldo la bresciana – e perso il primo set proprio in ragione del tennis espresso dalla mia avversaria di giornata. Dopo la pausa al termine della frazione mi sono tranquillizzata ed il break ottenuto in apertura di secondo set mi ha dato maggior fiducia. Da quel momento la partita ha cambiato volto. Ritengo che lo spettacolo offerto da entrambe sia stato di buon livello. Un torneo al quale ho partecipato per la prima volta. Mi sono trovata benissimo per la perfezione dell’organizzazione e l’ospitalità. L’appuntamento è già fin d’ora con l’edizione del prossimo anno”.

Spazio poi alla finale maschile, con in campo Pietro Licciardi, 2.1, ed Andrea Basso, seconda testa di serie e numero 501 Atp, dopo essere stato in carriera a ridosso dei top 300. 

E’ stato proprio Basso a far valere la maggior caratura tecnica ed imporre il proprio tennis fin dalle battute iniziali. Grazie ad un gioco più adatto alle superfici veloci rispetto a quello del rivale, si è imposto al termine 6-3 6-4 iscrivendo per la prima volta il proprio nome nell’albo d’oro del torneo: “Una settimana non facile – ha detto al termine il portacolori del Park Genova – nella quale mi sono dovuto adattare alle condizioni del terreno di gioco, molto veloce. Dopo il duro allenamento invernale, però, non c’era modo migliore per iniziare la stagione”.

Un’edizione, quella 2018 del “Minini” che ha confermato la costante crescita della manifestazione: “Cerchiamo ogni anno di migliorare il livello e credo che il 2018 lo abbia confermato – ha dichiarato Luca Minini al termine – grazie alle performance dei protagonisti e non solo in finale. Erano molti i seconda categoria in gara, sia a livello femminile che maschile, a conferma della considerazione del nostro torneo nel circuito. Contiamo di proseguire in questo trend di crescita anche nelle prossime edizioni. Il miglior modo per ricordare mio padre al quale è intitolato in torneo”.

R.T.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore