/ Juve

Che tempo fa

Cerca nel web

Juve | 26 dicembre 2018, 16:57

Ronaldo salva capra e cavoli a Bergamo. Con l’Atalanta la Juve fa 2 a 2

I bianconeri non subivano gol in trasferta dallo scorso ottobre. Il doppio giallo a Bentancur complica le cose, l'ingresso di CR7 evita la sconfitta

Bentancur, sua la traversa della Juventus al 5': finirà espulso per doppia ammonizione

Bentancur, sua la traversa della Juventus al 5': finirà espulso per doppia ammonizione

La prima senza Ronaldo, con il Fenomeno relegato per la prima volta (in campionato) in panchina al fianco del suo allenatore, per lasciare il posto a Mandzukic al centro, con Douglas Costa e Dybala sugli esterni. Questo è stato il tormentone della vigilia di Atalanta-Juventus, con gli orobici alle prese con problemi difensivi stante le squalifiche di Toloi e Palomino che in avanti si affidano al tridente Gomez, Ilicic, Zapata.

Dopo 2 minuti la Juve è già avanti, grazie ad un goffo autogol di Djmsiti che - nel tentativo di rinviare un (probabilmente) innocuo  cross proveniente dalla destra cicca il pallone col destro e lo spedisce alle spalle di Strakosha, La Juve non molla  e tre minuti dopo il gol l’estremo Berisha devia sulla traversa una sassata dal limite di Bentancur.

La partita è vivace, con continue incursioni nell’altrui metà campo, ma senza apparenti occasioni da gol e con un leggero predominio territoriale atalantino.

Al 24’ l’Atalanta pareggia, Zapata va via a Bonucci (non impeccabile di certo) al limite dell’area e calcia di  sinistro un “rigore” in movimento che si insacca rasoterra sulla sinistra di Szczesny. La Juve non subiva gol in trasferta dallo scorso ottobre. In campionato dopo 618 minuti di gioco. Ed il gol le. fa perdere misure e lucidità. Zapata (a segno nelle ultime tre partite casalinghe contro la Juventus in Serie A) è una spina nel fianco della difesa bianconera, contro il quale Bonucci fatica le proverbiali sette camicie, pur ricorrendo spesso alle maniere forti. 

Dopo un inizio laborioso”, ora gioca meglio l’Atalanta.

Al 45’ esatto, l’arbitro manda tutti negli spogliatoi.

Dopo 8 minuti della ripresa arriva il secondo cartellino  giallo per Bentancur: il centrocampista uruguagio guadagna gli spogliatoi con più di mezz’ora di anticipo. Sarà un principio di svolta della partita, che si materializza due minuti dopo, come il peggiore degli incubi. Una paratona di Szczesny procura un calcio d’angolo all’Atalanta sugli sviluppi del quale Zapata (ancora lui!) firma di testa la sua  personalissima doppietta.

Al minuto 65 un imbufalito Allegri (ha rischiato l’espulsione dopo un confronto a muso duro con il quarto uomo) manda in campo Cristiano Ronaldo al posto di Kedira.

E proprio lui, a 10 dalla fine, ristabilisce l’equilibrio in campo con un colpo di testa in anticipo sui difensori atalantini a 3 metri dalla porta avversaria: 2 a 2.

Un tap-in mancato di Mandzukic, un gol giustamente annullato a Bonucci e la partita finisce lì, con la Juventus che legittima con un finale arrembante il 2 a 2 finale, conquistato con l’uomo in meno.

Atalanta - Juventus 2-2

ATALANTA (3-4-2-1): Berisha; Mancini, Djimsiti, Masiello (Barrow), Hateboer, Freuler, Pasalic (Gosens), Castagne; Ilicic (Pessina), Gomez; Zapata. Allenatore: Gasperini

JUVENTUS (4-3-1-2): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira (Ronaldo), Emre Can, Bentancur; Douglas Costa (Pjanic), Dybala; Mandzukic. Allenatore: Allegri

ARBITRO: Luca Banti di Livorno

AMMONITI: Zapata (A), Mancini (A), Chiellini (J), Hateboer (A), Mandzukic (J)

ESPULSO: Bentancur (J)

Walter Alberto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium