/ Toro

Che tempo fa

Cerca nel web

Toro | 19 gennaio 2019, 09:00

Toro, sfida capitale. Il campionato per riscattare l'uscita dalla Coppa Italia

Nel pomeriggio la difficile trasferta di Roma. Squadra in emergenza tra infortuni e squalifiche ma Mazzarri sprona i suoi: "Reagiamo alla sconfitta contro la Fiorentina con una grande prova"

Toro, sfida capitale. Il campionato per riscattare l'uscita dalla Coppa Italia

Il 2019 è appena iniziato, oggi comincia il girone di ritorno ma per il Toro questa è già una sfida capitale. E non solo perché si gioca all'Olimpico di Roma. Il ko di domenica scorsa contro la Fiorentina è una ferita ancora aperta, perché ha visto svanire quasi subito uno dei due obiettivi stagionali.

I tifosi granata sognavano di fare strada in Coppa Italia, grazie al sorteggio che aveva permesso di affrontare la Fiorentina in casa negli ottavi e poi di ospitare anche il successivo quarto. Ma quella partita non si giocherà mai, perché i granata si sono battere due volte da Chiesa jr e adesso c'è la paura che il contraccolpo negativo possa farsi sentire anche in campionato. Il Toro, ancora imbattuto in trasferta, va all'Olimpico senza gli squalificati Izzo e Meité, oltre agli infortunati Moretti, Baselli e Lukic, con Zaza recuperato in extremis. Se non è emergenza, poco ci manca, eppure Walter Mazzarri ha evitato di fare discorsi dal tono disfattista: "La Roma è una squadra forte, ma se stiamo bene in campo noi ce la possiamo giocare".

Poi il tecnico torna su un punto al lui caro: "Purtroppo da alcune gare stiamo raccogliendo meno di quanto seminiamo. Abbiamo delle assenze, ma non voglio cercare alibi. Mi aspetto una prestazione importante e una reazione da parte del gruppo". Gruppo del quale faranno parte anche tre ragazzi della squadra Primavera: Ferigra, Adopo e Millico. "Per loro può essere un'opportunità", ha detto Mazzarri, coccolando i suoi baby.

Tornando sulla sconfitta in Coppa Italia, il tecnico non ha usato giri di parole: "Siamo tutti arrabbiati, ci siamo rimasti male. Spero che tutto questo si possa trasformare in energia positiva, in qualcosa di bello e di forte, evitando errori e ingenuità commessi contro la Fiorentina". Con tante assenze cui dover fare fronte, possibile che Mazzarri deroghi al suo canonico 3-5-2, avendo penuria di uomini in mezzo al campo.

In mezzo agirà il jolly Ansaldi, che farà coppia con Rincon, unico centrale di centrocampo a disposizione, mentre davanti Zaza potrebbe fare coppia con Belotti, in un 3-4-1-2 dove Iago Falque sarà l'uomo di fantasia.

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium