/ Calcio

Calcio | 23 gennaio 2019, 14:45

LUCENTO, FIDUCIA AD ALBERTO PIAZZA - Eccellenza, sfida-salvezza: "Io ci credo"

Una marea di gol fino a 31 anni, oggi il salto dalle giovanili alla prima squadra, in panchina, dopo le dimissioni di Ligato. Piazza: "Ha raccolto meno di quanto meritasse"

Alberto Piazza

Alberto Piazza

Un "uomo-Lucento". E' Alberto Piazza, ex giocatore professionista e grande punta del calcio piemontese, a sostituire in corso Lombardia Rosario Ligato per tentare la missione-salvezza in Eccellenza.

Piazza e il pallone: una storia infinita.
Dopo le giovanili il primo grande salto arriva a 16 anni con i Regionali vinti a Venaria. Poi la chiamata della Juve (allenatore Gasperini), che nonostante ottime prestazioni non lo conferma. Dal ritorno a Venaria Piazza passa alla Biellese in serie C con alcuni provini in società importanti come la Fiorentina. E' il 1997 e oltre al titolo di capocannoniere della Berretti Piazza mette in cassaforte le semifinali nazionali e presenze in prima squadra. "Una stagione stupenda, ricordo ancora 4500 spettatori contro la Pro Sesto a Biella...", ci dice oggi.

Il grande salto arriva (anzi, arriverebbe) quando chiama l'Empoli di Spalletti in serie A. Dopo un'amichevole l'accordo, già definito con il 18enne Piazza, con Vallone e Santagostino, salta perchè legato al trasferimento del portiere Gazzoli. E Piazza va a Casale conquistando la Coppa Serie D (finale col Latina di Nappi e Policano, 9000 spettatori in trasferta) e la Supercoppa a Rivoli contro il Moncalieri di Aghemo. "Calcio vero, sfide epiche, grandissimo pubblico sugli spalti, clima infuocato...", dice Piazza.

Da Casale (presenze in Nazionale Dilettanti) va al Volpiano in D, tramite Massimo Bava, ma poi arriva un brutto infortunio che lo stoppa 9 mesi. "Mi curarono meglio che in serie A...", ricorda.

Poi c'è la trafila tra Eccellenza e Promozione: Venaria, un'operazione mai andata in porto con la Sestrese ("Dovevo fare 250 chilometri al giorno senza poter rimanere a Sestri, saltò tutto"), Canelli, Orbassano, Mathi, l'Alpignano di Rizzieri, Alessi e Sesia, il Ciriè nel 2005 in Promozione. Una valanga di gol, i complimenti del mitico Gianni Frara che Piazza ricorda ancora.

La carriera di allenatore parte a 31 anni, nel 2011 ("Volevo subito il patentino"): quattro anni ad Alpignano, parentesi al Vanchiglia e poi trasferimento al Lucento.

Oggi la prima squadra dopo le dimissioni di Ligato
. Piazza è stato presentato ieri alla squadra: "La società è stata subito chiara. Partiamo così e vedremo come andranno le prossime settimane. Per il resto, in campo ieri sera, avremmo potuto subito parlare di tatticismi e cose varie, ma a mio avviso non è la strada giusta. La verità è che questa squadra deve uscire prima dalla depressione, perchè non vince da due mesi e soprattutto non ha vinto o pareggiato quando lo avrebbe meritato. Dunque, lavorerò prima sulla testa facendo leva sul mio carattere, la mia personalità e le mie competenze calcistiche. Il presidente Pesce tiene tantissimo a questa salvezza. Per lui il Lucento è come un'azienda. E' un perfezionista e una persona eccezionale, anche se alcuni lo criticano. Per me questa è un'occasione da prendere al volo, perchè ho 38 anni e mi ritrovo su una panchina di Eccellenza",

Continua Piazza: "Ho un entusiasmo enorme e lo voglio trasmettere a questa squadra, che mi ha stupito subito per il livello tecnico e motivazionale. Ci sono giocatori dei quali puoi fidarti ad occhi chiusi come Cellamaro, Pavan, Piroli, Freda, Dinaro, Amedeo, Chiatellino e giovani di grande valore. Ligato è un allenatore straordinario. Ho visto delle partite della prima squadra e lui ha raccolto meno di quanto meritasse. Ora tocca a me. Bisogna riaccendere la passione e liberarsi delle scorie. Sono molto positivo, anche se il cammino sarà insidioso e pieno di difficoltà. Ma ripeto, per prima cosa il Lucento dovrà uscire dalla depressione degli ultimi tempi. La società vuole la salvezza a tutti i costi, questa sfida mi ha catturato subito".

Michele Rizzitano

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium