/ Sport acquatici

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport acquatici | 08 febbraio 2019, 09:00

Torino, sabato e domenica la trentaseiesima edizione della Regata Internazionale di Gran Fondo “D’inverno sul Po”

Organizzata come da tradizione dalla Società Canottieri Esperia di Torino

Torino, sabato e domenica la trentaseiesima edizione della Regata Internazionale di Gran Fondo “D’inverno sul Po”

 Sabato 9 e domenica 10 febbraio 2019 i grandi atleti del canottaggio si troveranno a Torino per disputare la trentaseiesima edizione della Regata Internazionale di Gran Fondo “D’inverno sul Po”, organizzata come da tradizione dalla Società Canottieri Esperia di Torino.

La manifestazione vanta uno dei percorsi più spettacolari del mondo: il campo di regata si snoda per 5000 metri a favore di corrente con partenza dalla passerella Turin Marathon e arrivo proprio davanti alla Società organizzatrice. L’itinerario, interamente visibile dalle sponde del fiume, permette ad appassionati e curiosi di assistere da vicino a tutte le fasi della gara: dalla partenza fino all’arrivo di fronte ai Murazzi, a pochi passi da piazza Vittorio Veneto.

Sabato 9 febbraio alle ore 10.00, apriranno la manifestazione con un percorso ridotto di 1000 metri (partenza davanti alla Società Canottieri Armida) gli atleti più giovani: gli allievi, seguiti dagli atleti adaptive. Alle 11.00 sarà la volta, sempre con un percorso ridotto di 4000 metri (partenza davanti alla piscina Lido) dei cadetti.

Intorno alle ore 12.30 scenderanno in acqua le barche corte delle categorie senior, junior e master.

Domenica 10 febbraio dalle ore 10 la competizione sarà riservata ai quattro di coppia (4x) e all’ 8+, che con i suoi otto atleti più timoniere è la barca “regina” del canottaggio.

All’8+ senior maschile è dedicato il trofeo “Gian Antonio Romanini”, visionario ideatore della manifestazione e presidente della Società Canottieri Esperia-Torino per oltre una decade, mancato la scorsa estate.

Raccontava lo stesso Romanini come all’inizio degli anni ’80 venne introdotto un nuovo regolamento federale che prevedeva lo svolgimento delle competizioni solo su campi di regata a sei corsie e che, di fatto, escludeva Torino dal grande circuito internazionale. Uno smacco per la città culla del canottaggio italiano; fu così che proprio durante un allenamento sul fiume, l’allora presidente Romanini ebbe l’intuizione di organizzare una regata di fondo (pertanto esclusa dai parametri della Federazione) che riportasse il canottaggio a Torino, il campo di regata sarebbe stato il tragitto noto a tutti i canottieri torinesi: da Moncalieri ai Murazzi.

“D’inverno sul Po” è diventato un appuntamento fisso del canottaggio e, nel corso dei decenni, sono molti i campioni che hanno preso parte alla regata.

D’inverno sul Po è una regata nata grazie alla visione futuristica del compianto presidente Gian Antonio Romanini – ricorda il Presidente della Federazione Italiana Canottaggio Giuseppe Abbagnale - il quale con questa competizione, nel 1982, volle fortemente riportare il grande canottaggio internazionale in Italia.

Oggi, alla luce dell’intitolazione del trofeo, questa regata diventa una pietra miliare non solo nel canottaggio italiano ma anche in quello internazionale.

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium