/ Calcio

Calcio | 10 febbraio 2019, 09:00

Toro, contro l'Udinese vietato sbagliare

I granata non possono mancare l'appuntamento con la vittoria per restare attaccati al treno che porta in Europa. Mazzarri: "Serve più cinismo, Belotti deve sacrificarsi meno e stare di più in area di rigore"

Toro, contro l'Udinese vietato sbagliare

La bella vittoria sull'Inter aveva riacceso le speranze di Europa, lo 0-0 di Ferrara (combinato al successo di molte delle dirette concorrenti) ha di nuovo allontanato il Toro dal treno che porta in Europa. Per questo, oggi pomeriggio contro l'Udinese dell'ex Davide Nicola i tre punti sono indispensabili.

Walter Mazzari ha però invitato tutti a non considerare facile l'impegno, alla luce della differenza dei punti in classifica: "Sarebbe un grave errore pensare che sia una gara semplice. Noi ne siamo la dimostrazione: possiamo battere una squadra di vertice e la domenica successiva fare fatica contro un avversario meno di grido. Per conquistare i tre punti dobbiamo fare una grande partita". Sarà un Toro senza Zaza in attacco e (per la prima volta) priva del suo ministro della difesa Nkoulou, in compenso è stato recuperato Djidji: "Fisicamente sta bene, si è allenato, è sicuramente disponibile ", ha detto Mazzarri, che davanti rcimporrà la coppia Belotti-Iago Falque.

A proposito del Gallo, il tecnico granata ha annunciato delle novità: "non riusciamo a raccogliere quanto meritiamo. Quello che ci manca è un po' di qualità nell'ultimo passaggio e la cattiveria sotto porta: il compito di Belotti sarebbe solo quello di pressare l'ultimo difensore, ma lui spesso di fa trascinare dalla generosità. Ma gli ho spiegato che deve stare più alto, ci serve davanti alla porta". Insomma, il Gallo si muoverà meno lungo il fronte offensivo e si sacrificherà meno, con l'intento di essere più lucido nei sedici metri. L'ultima rete su azione è datato 22 dicembre, contro il Sassuolo a Reggio Emilia: al Toro servono come il pane i suoi gol.

Mazzarri vede comunque il bicchiere mezzo pieno: "Non facciamo il salto di qualità proprio perché facciamo pochi gol, a dispetto di prestazioni nelle quali creiamo tanto. Bisogna migliorare, si deve essere più cattivi e cinici". E un Belotti più punta centrale è un modo per aiutare la squadra a guarire dal mal di gol.

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium