/ torinosportiva.it

Che tempo fa

Cerca nel web

torinosportiva.it | 11 febbraio 2019, 13:51

Tricolori Allievi di Ancona: sorpresa Scarselli, oro Verteramo

Due ori e tre argenti per il Piemonte ai tricolori Under 18 di Ancona caratterizzati dall'esplosione di Federico Scarselli nel lungo con 7,31. Sara Verteramo oro nel peso con 15,36

Federico Scarselli, della Novatletica Chieri

Federico Scarselli, della Novatletica Chieri

Due ori e tre argenti. Bilancio positivo quello del Piemonte ai tricolori indoor u18 di Ancona, più roseo rispetto a quello delle aspettative dove si temeva che l’assenza di protagonisti quali Davide Favro e Veronica Crida si sarebbe fatta sentire nel computo complessivo delle medaglie. Invece, rispetto al 2018, solo una medaglia (un oro) di differenza: cinque a sei dunque ma con risultati tecnici di primo piano.

Le due medaglie d’oro dell’edizione 2019 sono un’autentica sorpresa e una conferma.
La sorpresa, uno dei risultati copertina della due giorni tricolore in assoluto, arriva dal salto in lungo maschile e si chiama Federico Scarselli. Allenato da Massimo Crivello, portato all’atletica da Serena Putinati che lo scopre ai giochi sportivi studenteschi, milita nelle fila della Novatletica Chieri; arrivato all’atletica dopo aver giocato a calcio per diversi anni come portiere, Scarselli con i suoi 1,90 metri di altezza, si dedica al salto in lungo e alla passione per la moda.

Si presenta ad Ancona tra i favoriti per il podio dopo aver saltato lo scorso fine settimana a Modena 6,92 metri, a pochi centimetri dal primato personale outdoor di 6,95 metri. Sulla pedana del Palaindoor il primo salto è nullo ma il secondo salto è già primato personale: 7,04 e prima volta sopra il muro dei 7 metri.

Dopo un terzo salto a 7,00 e un quarto nullo, al quinto si migliora ancora atterrando a 7,13. Al momento dell’ultimo salto ha già il titolo italiano in tasca, nessuno oltre a lui in gara ha superato i 7 metri.

È il momento di sparare nulla, senza aver paura del nullo, Scarselli lo sa e spara tutto. Boom! Ecco il balzo a 7,31 metri che lo fa entrare di prepotenza al quarto posto nelle liste italiane alltime di categoria in sala dopo Andrew Howe (7,52), Stefano Braga (7,45) e Andrea Pianti (7,34). Miglioramento di 36 centimetri per lui dalla misura di iscrizione.

 

G.R.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium