/ Sport acquatici

Sport acquatici | 12 marzo 2019, 09:59

Cavour, piscina pronta entro fine aprile 2020

La minoranza polemica sul contributo economico del comune

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Il Comune contribuirà alla costruzione della piscina e la struttura dovrebbe essere pronta per fine aprile, praticamente un anno dopo l’inizio dei lavori. Il contributo economico di Cavour, però, fa storcere il naso alla minoranza.

Un passo indietro per inquadrare l’argomento. Il nuovo impianto aperto è in fase di costruzione di fianco al cimitero, in via della Rimembranza. Una zona dove ci sono già campi da tennis, da calcio, da beach volley e il Palazzetto dello sport poco più in là.

L’opera è realizzata dalla società Cave Gallo a scomputo dei diritti di escavazione in località Mezzaluna ed è stimata 180mila euro. A sollevare il problema degli oneri non versati da Cave Gallo era stata la minoranza di Patto per Cavour. L’accordo di realizzare una piscina o versare dei soldi al Comune era del 2012, ma solo un esposto, che la minoranza ha indirizzato alla Corte dei Conti, ha “smosso le acque”.

Il 26 aprile 2018 sono partiti i lavori e l’opposizione è ripartita lancia in resta, contestando l’idea di realizzare la piscina, piuttosto che farsi dare dei soldi da Gallo, che si potevano investire altrimenti, per esempio nell’asfaltare strade.

Un altro fronte polemico è legato al terreno su cui viene costruita: prima era di proprietà del Comune, poi è stato ceduto a un privato, che ha concesso il comodato d’uso gratuito per 30 anni, dopo i quali la piscina resta a lui, se Cavour non ricompra il terreno.

La maggioranza ha sempre difeso la bontà dell’intervento e rimarcato che quest’opera avrebbe migliorato l’offerta sportiva del paese.

L’esborso di soldi da parte del Comune, però, ha riacceso le polemiche. La decisione mettere mano al portafoglio è venuta fuori dopo una serie di sopralluoghi, dai quali è emersa la necessità di realizzare un muro divisorio da una proprietà confinante e di adeguare impiantistica e vasca, rispetto al progetto originale. La variante del progetto costava oltre 75mila euro più Iva in più. Il cavatore Francesco Gallo ha fatto un ribasso del 23%, determinando così la cifra a carico delle casse pubbliche di 82.749,93 euro.

La minoranza di Patto per Cavour, domenica sera, ha inviato un comunicato dove parlava della sua adesione al progetto del candidato sindaco Sergio Paschetta in vista delle prossime Comunali. Nel documento si punta il dito contro il gruppo che sta nascendo attorno all’altro candidato sindaco Giovanni Genovesio, consigliere di maggioranza, che ha dalla sua parte buona parte della squadra del primo cittadino uscente Piergiorgio Bertone: “Non crediamo a chi oggi vuole distaccarsi da un pesante passato, avendo contribuito ad esso negli ultimi anni, con goffi tentativi di ‘cambiamento nella continuità’; la smentita arriva da una delle ultime Delibere di Giunta che autorizza la spesa di oltre 82.000 euro di soldi pubblici ad integrazione della piscina (quella in costruzione su un terreno privato, a cui ci siamo opposti perché non certi della sostenibilità economica), che doveva essere a ‘costo zero’ per le casse comunali. Quanto ci costerà ancora? Le persone che hanno votato a favore di questo spreco, oggi sono quelle che si ricandidano, cercando inutilmente di ‘smarcarsi’ da se stesse!”.

M.B.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium