/ Atletica

Atletica | 22 marzo 2019, 08:57

Torino, cancellata “Vivicittà”: aspra polemica con gli organizzatori della “Mezza maratona di Santander”

Ci scrive l’ufficio stampa della Uisp: “Nonostante si conoscesse la data di Vivicittà, i suoi organizzatori hanno deciso di programmare la competizione nella stessa data e addirittura lungo lo stesso percorso. Sembra che l’importante sia prendere la scena, senza farsi troppi problemi!”

Torino, cancellata “Vivicittà”: aspra polemica con gli organizzatori della “Mezza maratona di Santander”

Riceviamo e pubblichiamo

Domenica 31 marzo in 60 città italiane, nel mondo e in molti penitenziari si correrà la 36^ edizione di Vivicittà, fiore all’occhiello della UISP, una manifestazione di corsa ricca di significati e valori e da sempre con una vocazione solidale: 1 euro di ogni iscrizione verrà devoluto per un progetto a favore dei bambini siriani che fuggono dalla guerra.

Per la prima volta dopo 33 edizioni, con grande rammarico a Torino non si correrà Vivicittà, gara inserita nel calendario Fidal, con date che  vengono stabilite con largo anticipo ogni anno, organizzata da un'associazione che ha solo in Piemonte  “120mila iscritti”.

La UISP vuole ringraziare l’organizzazione della “Mezza maratona di Santander” che ha deciso, nonostante si conoscesse la data di Vivicittà, di programmare la competizione nella stessa data e addirittura lungo lo stesso percorso.

Certo Vivicittà ha un costo di iscrizione di 7 euro e un pacco gara decisamente scarso... ma lo spirito è quello di correre per il piacere di correre e soprattutto una parte delle iscrizioni serve per realizzare impianti sportivi e attività per i bambini che vivono in aree disagiate.

Forse è il trend del momento dei grandi organizzatori, via uno avanti un altro senza regole e buonsenso.
Un vero peccato per lo sport quello #pertutti, che si pratica senza interessi economici, solo per il piacere di vincere, perdere, stare in salute e aggregazione, per correre con il pianeta.

Basterebbe veramente poco, ottimizzare le risorse e coordinarsi, c’è spazio per tutti, grandi, piccoli, organizzatori, federazioni ed enti di promozione sportiva.

Viviamo in una città dove si può fare di tutto e il calendario ha ben 52 domeniche, sembra invece  che l’importante sia  prendere la scena, senza farsi troppi problemi!

Ma Vivicittà non si arrende e rilancia per il prossimo anno, chiederemo alle Istituzioni  di riceverci e ascoltarci. Intanto in Piemonte saranno confermate le tre edizioni non competitive  
di Alessandria, Biella, Bra e Settimo.

W.A.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium