/ Sommario

Sommario | 22 marzo 2019, 12:58

Fatima è una di noi, cittadina del Mondo!

La solidarietà della UISP Piemonte alla gioavane aggredita, picchiata e umiliata su un bus di Torino perché indossava il velo

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Riceviamo dalla UISP Piemonte e pubblichiamo

Fatima è una di noi!

Ha iniziato a svolgere attività in UISP, quando frequentava le scuole superiori iscrivendosi alla piscina femminile della Massari.

Da allora, abbiamo condiviso con lei e con altre giovani e donne musulmane, l'impegno in tanti progetti, attività, iniziative, momenti di formazione.

Abbiamo lavorato insieme per avvicinare tanti giovani e donne ad una pratica sportiva che unisce, aggrega, crea cittadinanza attiva e inclusione.

Uisp ha sostenuto in più occasioni Fatima nelle iniziative da lei promosse per i bambini/e della Siria, contro la guerra, per la solidarietà.

Perché Fatima prima di tutto è una cittadina del mondo, come tutti noi, impegnata per costruire un mondo più giusto. Non riusciamo a credere che sia stata aggredita, picchiata e umiliata e solo perché indossava il velo.

Condanniamo fermamente questo episodio, auspicando che vengano presi i giusti provvedimenti da parte della giustizia, oggi è la giornata della legalità, molti soci e dirigenti  UISP, stanno partecipando alle marce della legalità di Libera in diverse parti di Italia, oggi più che mai e
di fronte a fatti di questo tipo, vogliamo gridare che c'è bisogno di legalità e giustizia.

Uisp esprime a Fatima e alle altre donne che hanno subito con lei questa pesante e immotivata aggressione, la propria solidarietà e vicinanza nella lotta contro ogni forma di razzismo, violenza e privazione della libertà.

Non ci fermeremo a questo: nei prossimi giorni organizzeremo sicuramente eventi per sottolineare che lo sport può unire e contribuire alla lotta contro ogni forma di razzismo e discriminazione.
Oggi portiamo tutte il velo.

Uisp Piemonte

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium