/ Sport invernali

Sport invernali | 23 marzo 2019, 08:29

Matteo Marsaglia non si ferma più: è campione italiano di Super-G

Dopo il titolo italiano assoluto in Discesa il trentatreenne romano di Sansicario centra un altro trionfo

Matteo Marsaglia non si ferma più: è campione italiano di Super-G

Matteo Marsaglia non si ferma più: il trentatreenne romano di Sansicario, dopo il titolo italiano assoluto in Discesa, ha centrato anche quello in Super-G, il quarto in carriera, dimostrando che il suo feeling con la pista Vertigine di Cortina è assoluto.

In effetti a Cortina storicamente ho sempre fatto bene. - ha dichiarato Matteo all’Ufficio Stampa del Comitato FISI Alpi Occidentali - Ho capito subito che qui si poteva andare forte. Finalmente ha avuto una stagione senza infortuni, i risultati stanno arrivando. Qui come è stato in Coppa del Mondo”.

E ora a Matteo toccherà tenere duro almeno sino ai Mondiali di Cortina nel 2021. “In realtà, - dice l’atleta del Centro Sportivo Esercito - il mio programma è quello di arrivare alle Olimpiadi di Pechino l'anno dopo. Con tutti i problemi fisici che ho superato, è come se avessi sette o otto anni di meno. E intanto la prossima settimana sarò a Sestriere per le premiazioni dell'Uovo d'Oro. che è ormai una piacevole consuetudine”.

Matteo ha vinto con il tempo di 1’,20”,29/100, precedendo per 37/100 lo svedese Mattias Roenngren (Are Slk), ovviamente fuori classifica per i Campionati Italiani Assoluti, ma presente a Cortina per abbassare il suo punteggio FIS. A completare la festa torinese anche l’argento del poliziotto Mattia Casse, terzo nella classifica FIS a 63/100 ex aequo con il campione del mondo Dominik Paris (Carabinieri). L’altra medaglia d’oro targata Comitato Alpi Occidentali l’ha vinta Matteo Franzoso, cresciuto agonisticamente nello Sci Club Sestriere e dallo scorso anno arruolato nelle Fiamme Gialle. Matteo si è classificato dodicesimo assoluto a 2”,13/00 da Marsaglia e ha conquistato il titolo di campione italiano nella categoria Giovani. Alle sue spalle nella classifica del Campionato Italiano Giovani troviamo Luca Resinelli (Reit Ski Team), tredicesimo assoluto e primo nella classifica del Grand Prix Italia Giovani. La medaglia di bronzo dei Giovani è andata al collo di Giacomo Dalmasso (Ski Team Fassa), quattordicesimo assoluto e secondo nel Grand Prix Italia Giovani. Il terzo nella classifica del circuito istituzionale è l’altoatesino Tobias Knollseisen (Kronplatz Ski Team).

Nella classifica del Grand Prix Italia Senior è primo Pietro Zazzi (Reit Ski Team), undicesimo assoluto, davanti a Luca Resinelli e a Giacomo Dalmasso. Le gare valide per i Campionati Italiani Assoluti hanno concluso la stagione del Grand Prix Italia Giovani. A vincerlo è stato l'atleta classe 2001 Giovanni Franzoni dello Ski College Veneto-Falcade, che ha trionfato con 928 punti guadagnandosi il diritto ad un posto in Nazionale per la prossima stagione (già suo in ogni caso dopo aver vinto la classifica di specialità nel Gigante).

Alle sue spalle Manuel Ploner, anche lui l'anno prossimo in azzurro dopo aver vinto la classifica di Slalom. Terzo Martino Rizzi. In Nazionale, l'anno prossimo, ci sarà anche Mattia Cason, atleta classe 1999 dello Sci Club Gardena, vincitore del Grand Prix Italia Giovani per quanto riguarda le discipline veloci con 280 punti, davanti ad Hugo Mittermair e a Martino Rizzi.
I Campionati Italiani Assoluti femminili sono iniziati sulla pista Druscié A, con l’assegnazione delle medaglie dello Slalom. Ha vinto la quasi ventiduenne altoatesina Vera Tschurtschenthaler (Amateursportclub Gsiesertal), con il tempo totale di 1’,35”,38/100, con 94/100 di vantaggio sulla speranza azzurra friulana Lara Della Mea (Centro Sportivo Esercito) e 1”,23/100 sulla veterana Chiara Costazza (Fiamme Oro Moena), che con gli Assoluti ha chiuso la sua carriera agonistica. Sesta assoluta, ma quinta delle italiane e terza delle Giovani – categoria il cui Campionato Italiano è già stato disputato - la genovese Serena Viviani, atleta di punta della squadra regionale del Comitato FISI Alpi Occidentali e dello Sci Club Valchisone Camillo Passet.

L’azzurra astigiana Giulia Paventa (ex del Mondolè Ski Team e ora nelle Fiamme Oro) si è classificata undicesima, la torinese Veronika Calati (ex dello Ski Team Cesana e ora atleta delle Fiamme Gialle) sedicesima. La cesanese Charlotte Audibert (Golden Team Ceccarelli) si è classificata diciottesima assoluta e prima delle Aspiranti, mentre la torinese Anita Gulli (ex Sci Club Lancia, ora in forza al Centro Sportivo Esercito) ha chiuso al diciannovesimo posto. La gara è stata molto selettiva, con 28 classificate sulle 57 al via: tra le atlete fuori anche l'azzurra cuneese Marta Bassino che potrà rifarsi nel Gigante di sabato 23 marzo.

Il bilancio dell’allenatore della squadra femminile del Comitato FISI Alpi Occidentali, Alberto Platinetti, è positivo: “Sono contento soprattutto per Serena Viviani, che sta chiudendo la stagione alla grande. Spero che questi risultati le possano aprire le porte per la Nazionale C. Bene anche Charlotte Audibert, che la prossima settimana parteciperà ai Campionati Italiani Aspiranti. Per il Gigante degli Assoluti aspettiamo soprattutto Sara Allemand, che è già campionessa italiana Giovani”.

Fisi

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium