/ Altri sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Altri sport | 25 marzo 2019, 09:30

La Juventus e la rimonta destinata ad entrare nella storia

Nella sua storia con le coppe europee, la Juventus, nelle partite valevoli per la fase ad eliminazione diretta, dopo aver perso la partita d’andata per 2-0, non era mai riuscita a portarsi a casa la qualificazione al turno successivo

La Juventus e la rimonta destinata ad entrare nella storia

Reduce da mesi difficili in cui, nonostante il filotto impressionante di vittorie conquistate in campionato, la Juventus non era riuscita ad esprimersi sui livelli degli anni passati ed aveva fatto temere ai suoi tifosi di essere giunta alla fine del proprio ciclo, la squadra di Massimiliano Allegri si è resa protagonista di una delle rimonte più incredibili della storia recente del gioco. Dopo la sconfitta per 2-0 rimediata al Wanda Metropolitano di Madrid in casa dell’Atlético, i bianconeri erano chiamati a compiere un’autentica impresa sportiva e, al termine di 90 minuti giocati su livelli spaziali, sono riusciti a scrivere una pagina indelebile nella storia del club torinese.

L’impresa contro l’Atlético Madrid

Nella sua storia con le coppe europee, la Juventus, nelle partite valevoli per la fase ad eliminazione diretta, dopo aver perso la partita d’andata per 2-0, non era mai riuscita a portarsi a casa la qualificazione al turno successivo. Come raccontato nei giorni passati anche da Sky Sport, in sette occasioni precedenti, per i bianconeri erano giunte ben sette eliminazioni. Questa volta, tuttavia, grazie alle mosse tattiche di mister Allegri ed alle prestazioni sublimi di tutti i giocatori scesi in campo, il club juventino è riuscito a conquistare i quarti di finale. Che potesse essere una serata speciale lo si era inteso dai primi minuti di gioco: rispetto alla partita d’andata, in cui i giocatori juventini erano apparsi in grave difficoltà dal punto di vista fisico e mentale, già dalla fase del riscaldamento e dall’ingresso in campo la musica sembrava essere cambiata. Sin dai primi istanti di gara la Juventus ha preso in mano il pallino del gioco, pressando alto l’Atlético, schiacciandolo nella propria metà campo e costringendolo ad una difesa ad oltranza. Dopo aver resistito agli assedi bianconeri per circa mezz’ora, il muro difensivo eretto da Simeone subiva una prima crepa quando Cristiano Ronaldo, con un’impressionante colpo di testa, tramutava in goal uno splendido cross di Bernardeschi, portando così il risultato sull’1-0. Chiusa la prima frazione di gioco con il minimo vantaggio, nella ripresa la Juventus è scesa in campo ancora più determinata e, sfruttando la netta supremazia territoriale, con un altro sensazionale colpo di testa di CR7, riusciva a portarsi sul 2-0, pareggiando così i conti con la partita di andata. Quando ormai la sfida sembrava destinata ai tempi supplementari, Federico Bernardeschi, autore di una prestazione da fenomeno assoluto, dopo una galoppata palla al piede per più di 50 metri veniva atterrato in aria di rigore dall’argentino Correa e si guadagnava un importantissimo calcio di rigore: dal dischetto si presentava nuovamente Cristiano Ronaldo che, senza sentire minimamente la pressione, realizzava la terza rete della sua serata, regalando così alla Juventus la qualificazione ai quarti di finale. Quarti di finale in cui la squadra bianconera dovrà vedersela con i terribili giovani dell’Ajax che in questa edizione della Champions sono già balzati agli onori della cronaca per aver eliminato i tre volte campioni in carica del Real Madrid. Nella sfida d’andata che si giocherà il prossimo 10 aprile all’Amsterdam Arena, al 18 marzo, a quota 2,00 su Betway la Juventus è l’assoluta favorita per la vittoria e per il passaggio del turno, evento giocabile anche grazie al bonus scommesse. Dopo l’impresa compiuta nella partita di Torino, l’impressione è che la squadra di Massimiliano Allegri abbia finalmente cambiato marcia e che possa davvero giocarsela quantomeno alla pari con qualsiasi avversario, anche in ambito europeo.

I quarti di finale e l’insidia Ajax

Nella doppia sfida valevole per i quarti di finale di Champions, come detto, la Juventus dovrà vedersela con gli olandesi dell’Ajax, squadra rivelazione di questa edizione della competizione che ha già avuto modo di incantare il mondo con il suo gioco fatto di possesso palla, velocità e verticalizzazioni. La Juventus è sicuramente la favorita per il passaggio del turno ma la squadra di Massimiliano Allegri non dovrà sottovalutare i propri avversari che hanno già dimostrato di essere in grado di vincere contro chiunque. Agli ottavi di finale, infatti, dopo aver perso in casa la partita d’andata per 2-1 contro il Real Madrid, gli olandesi si sono presentati al Santiago Bernabeu con la voglia di imporre il proprio gioco e le proprie idee. All’esito di una partita memorabile sono così riusciti a demolire i Blancos e, vincendo la partita per quattro reti ad uno, hanno dimostrato di essere una squadra in grado di giocarsela alla pari con ogni avversario. La Juventus, dal canto suo, pur essendo consapevole della propria forza e della propria superiorità dovrà affrontare la doppia sfida con la massima attenzione, evitando di commettere gli errori commessi nella partita d’andata di Madrid e cercando di non compromettere il proprio percorso europeo. L’impressione, ad ogni modo, è che i ragazzi di Massimiliano Allegri abbiano imparato la lezione e che se dovessero riuscire ad affrontare le prossime partite di Champions con la stessa forza e motivazione messa in campo nell’ultima partita allo Stadium, soltanto il Barcellona e il Manchester City potrebbero essere in grado di fermare il loro cammino verso la finale che si giocherà il 1 giugno, guarda caso, proprio al Wanda Metropolitano di Madrid.

Con 16 punti di vantaggio sul Napoli secondo in classifica, la Juventus è ormai ad un passo dalla conquista del suo ottavo scudetto consecutivo. La squadra di Massimiliano Allegri potrà quindi programmare il finale di stagione in vista degli impegni europei e la sensazione è che la recente impresa contro l’Atlético potrebbe davvero assumere un'importanza capitale per il futuro del club bianconero.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium