/ Basket

Che tempo fa

Cerca nel web

Basket | 17 aprile 2019, 05:00

Il futuro della Fiat Auxilium Basket resta, paradossalmente, più incerto che mai: ieri l’ennesima fumata nera

Nulla di fatto neppure ieri nell’incontro fra imprenditori e dirigenti, nello studio del notaio Marco Cordero di Montezemolo. E col passare dei giorni, tutto diventa più difficile

Il futuro della Fiat Auxilium Basket resta, paradossalmente, più incerto che mai: ieri l’ennesima fumata nera

Ancora un nulla di fatto. Ancora una fumata nera. Ancora un rinvio.

Per la Fiat Auxilium Torino quella che comincia oggi sarà l’ennesima settimana di Passione.

Difficile essere ottimisti, alla luce del brevissimo comunicato stampa giunto in redazione ieri sera.

“L’assemblea degli azionisti dell’Auxilium Pallacanestro Torino Spa riunitasi oggi – recita il dispaccio - ha constatato che, allo stato attuale, non si sono ancora verificate le condizioni necessarie per la ricapitalizzazione. La società – attraverso i propri organi societari – si adopererà per verificare la concreta possibilità di rispettare comunque i tempi previsti dagli adempimenti FIP Com.Te.C., usufruendo del maggior termine di 5 giorni lavorativi”.

Visto insomma che oggi non si è trovata la soluzione, la Società ha ora tempo fino al 24 aprile per saldare le pendenze Comtec. Ferma restando la multa di duemila euro per ogni giorno di ritardo. Bazzeccole.

I problemi verrebbero dopo. Dal 25 scatterebbero infatti le penalizzazioni, quantificabili in un punto in meno per ogni inadempimento, da scontare però (almeno una buona notizia) nella stagione 2019-20, semmai la Fiat Auxilium esisterà ancora.

Non rispettare ulteriormente le scadenze neppure entro i termini del ravvedimento operoso sarebbe probabilmente cosa irreparabile. E il fallimento diventerebbe un’opzione da prendere seriamente in considerazione.

Di certo è difficile immaginare come si possa trovare entro mercoledì prossimo ciò che non si è saputo/potuto trovare martedì scorso, vale a dire la “condizioni necessarie per la ricapitalizzazione” che ieri, nello studio del notaio Marco Cordero di Montezemolo, “non si sono ancora verificate”.

Quello dell’ennesimo rinvio – premesso che ogni dilazione nel tempo non è  mai foriera di buone notizie -  non è comunque l’aspetto più pessimista del comunicato stampa.

“Verificare la possibilità di rispettare comunque i tempi previsti dagli adempimenti FIP Com.Te.C.” – come recita il documento societario – lascia addirittura intravedere che non vi sono moltissime  speranze neppure sul fatto che entro il 24 si trovino i fondi per le scadenze ormai scadute – ci si passi il gioco di parole - da tempo.

Povera Auxilium… Povera Torino…

Walter Alberto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium