/ Volley

Volley | 30 aprile 2019, 07:00

Il CUS Torino Volley cede in Gara 1 delle semifinali play-off contro Orvieto e sogna la rimonta in quel Pala Papini che lo ha sempre visto trionfare

Sconfitta interna di misura al tie break per le cussine che giovedì avranno la possibilità di portare a Gara 3 questa serie di semifinali play-off. Servirà una vittoria, in trasferta, al Pala Papini di Orvieto.

Foto Mario Sofia

Foto Mario Sofia

Pomeriggio dalle mille emozioni quello di ieri al Pala Ruffini. Nel posticipo di Gara 1 delle semifinali play-off della Samsung Volley Cup di serie A2 femminile il Barricalla CUS Torino Volley ha visto la Zambelli Orvieto imporsi 2-3 dopo un match durato oltre due ore.  

Una maratona incredibile quella andata in scena tra le due compagini che si sono date battaglia dal primo all’ultimo scambio. Una gara ricca di colpi di scena e di giocate di alto livello che ha visto trionfare le umbre, più concrete e più fresche proprio nell’ultimo set.  

Nulla, però, è perduto: Gobbo e compagne, infatti, giovedì 2 maggio alle ore 17.00 saranno attese da Gara 2. Questa volta si giocherà al Pala Papini di Orvieto, un campo ostico che, però, alle piemontesi ha regalato soltanto gioie in questi due anni. In entrambe le occasioni in cui le ragazze di coach Marchiaro sono andate a giocare a Orvieto, infatti, sono tornate a Torino con un successo. Le universitarie, sia nella passata stagione che in quella attuale, sono uscite dalla trasferta contro le tigri giallo-verdi con due vittorie al tie-break.  

Crederci, dunque, è d’obbligo, a maggior ragione dopo il convincente match giocato proprio nella giornata di ieri e dopo avere analizzato anche i precedenti tra le due squadre in terra umbra.  

La Zambelli ha dimostrato di essere una squadra solida in tutti i fondamentali, ma allo stesso tempo quando le cussine sono riuscite a fare emergere il collettivo per le ragazze di coach Solforati non è stato facile arginare le loro giocate e i due set vinti, uno per 25-13 e l’altro per 25-19, ne sono la dimostrazione più lampante.  

Il match, specialmente nelle prime battute, vede un solo protagonista in campo: l’equilibrio. Per vedere il primo allungo bisogna aspettare circa metà set, quando coach Marchiaro è costretto a chiamare il suo primo time out sul punteggio di 11-14. Un’importante reazione delle cussine, guidate da una straripante Amanda Coneo, porta nuovamente la gara in una situazione di quasi perfetta parità, 14-15. L’equilibrio più totale si raggiunge sul 18-18 grazie a un mani out di una propositiva Cristina Fiorio. Le ospiti tentano nuovamente l’allungo (20-22), ma tre punti consecutivi tutti di marca colombiana permettono alle universitarie di portarsi sul 23-22. Il primo set point è tutto delle padrone di casa, ma D’Odorico è brava ad annullarlo. Il CUS Torino ci prova ancora due volte, con altrettanti set point, ma in entrambe le circostanze è decisiva Decortes, una delle migliori tra le fila di Orvieto in questo primo set. La beffa è dietro l’angolo: alla prima palla set buona le umbre, con un muro di Bussoli su una parallela di Vokshi, chiudono il primo gioco sul 26-28.

Nel secondo sono le ospiti a confermare l’ottimo finale di primo set e arrivano al primo mini parziale avanti 3-8. Quando l’inerzia del match sembra prendere una chiara direzione, arriva la reazione d’orgoglio delle universitarie che, con due punti consecutivi di Cristina Fiorio, si regalano addirittura il sorpasso e costringono coach Solforati a chiamare un time out sul 13-12. Al rientro in campo, però, la musica non cambia e Gobbo e compagne inanellano una serie importante di punti consecutivi e si portano sul 20-12, ipotecando il secondo gioco. Sterile la reazione delle umbre che cedono 25-13.  

Nel terzo set viene confermata nel sestetto Marta Agostinetto che aveva preso il posto di Vokshi all’inizio del secondo. In questo gioco è nuovamente l’equilibrio a regnare sovrano, come in occasione del primo parziale. Le prime a tentare l’allungo sono le padrone di casa (12-9), ma Prandi e compagne non ci stanno e tornano in scia. Il CUS Torino, però, continua ad alzare il livello, soprattutto in fase difensiva. Sul 15-12 coach Solforati interrompe saggiamente il gioco e richiama in panchina le sue giocatrici per spezzare il ritmo alle padrone di casa e alla ripresa del gioco un mini parziale delle tigri giallo-verdi regala il 15-15. L’equilibrio continua a reggere fino a quando sul 20-20 una fast di Montani e un attacco di Decortes regalano due lunghezze di vantaggio alle umbre. Le universitarie provano a non fare scappare le avversarie, ma un errore delle torinesi e un mani out di D’Odorico (5 punti e 50% in attacco per lei in questo terzo set) regalano il 22-25 e l’1-2 nel computo totale dei giochi disputati.  

Il quarto gioco è l’apoteosi del collettivo: il CUS Torino porta a referto cinque giocatrici, di cui tre con cinque punti messi a segno (Coneo, Agostinetto e Mabilo), una con quattro, Fiorio, e il capitano, Daniela Gobbo, con due. L’inerzia di questo parziale pende, apparentemente, tutta dalla parte delle padrone di casa che dopo pochi scambi si trovano avanti 10-6. Quando le ragazze di coach Marchiaro sembrano in totale controllo del set, però, arriva l’ennesima reazione delle ospiti che riescono anche a passare in vantaggio, 14-15. Un’altra fiammata delle piemontesi le porta sul 18-15, ma Prandi e compagne vorrebbero provare a chiudere la pratica in quattro giochi e si fanno nuovamente sotto, 18-18. Sei punti consecutivi delle universitarie, però, smorzano l’entusiasmo in casa Orvieto e portano altrettanti set point in casa CUS Torino, 24-18. Il primo viene annullato da Decortes, ma un muro di Mabilo sempre su un attacco dell’opposto umbro regala il quarto parziale (25-19) e la perfetta parità, 2-2.  

Il tie-break è un vero e proprio dentro o fuori e lo porta a casa la squadra più fresca fisicamente, ma soprattutto mentalmente. Gobbo e compagne, dopo avere recuperato per due volte una situazione di svantaggio nel computo totale dei set, arrivano a giocarsi questo quinto set con poche energie, soprattutto mentali, e le ragazze di coach Solforati ne approfittano e chiudono Gara 1 sul 10-15 e sul 2-3 finale.

Appuntamento, dunque, per Gara 2 in programma giovedì 2 maggio alle ore 17.00 presso il Pala Papini di Orvieto.  

BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY - ZAMBELLI ORVIETO  2-3
(26-28; 25-13; 22-25; 25-19; 10-15)  

BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY: Morolli 1, Coneo 27, Gobbo (K) 8, Vokshi 3, Fiorio 17, Mabilo 9; Lanzini (L), Agostinetto 10, Martinelli 1, Camperi, Gamba. N.e. Garrafa Botta, Poser. Allenatore: Michele Marchiaro. Vice Allenatore: Fulvio Bonessa.

ZAMBELLI ORVIETO: Decortes 23, Montani 11, Bussoli 8, D’Odorico 21, Ciarrocchi 1, Prandi 3; Cecchetto (L1), Angelini 12, Mucciola, Venturini, Kantor. N.e. Quiligotti (L2). Allenatore: Matteo Solforati. Vice Allenatore: Luca Martinelli.  

ARBITRI: Cesare Armandola - Veronica Mioara Papadopol
DURATA SET: 29’, 22’, 28’, 26’, 16’. 
MURI: Barricalla CUS Torino Volley 11, Zambelli Orvieto 16.

 

Andrea Colella

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium