/ Basket

Basket | 05 maggio 2019, 10:01

La Fiat Torino a Cantù in attesa di scoprire il proprio futuro. Galbiati: "Cercheremo di onorare la maglia"

Torino, esclusa dal prossimo campionato di Serie A, affronta Cantù nella penultima giornata di campionato

Foto Ufficio Stampa Fiat Torino Auxilium

Foto Ufficio Stampa Fiat Torino Auxilium

Finita in mezzo ad una tormenta per aver fatto entrare nella nuova proprietà il magnate russo Dmitrij Gerasimenko - anche se pare che i soldi del russo non siano mai arrivati - nell'ultima trasferta di questa stagione (o forse l'ultima in serie A) la Fiat Torino affronta Cantù, in un intreccio che definire beffardo, forse, è poco. Proprio la società brianzola è, infatti, l'epicentro della protesta anti-Gerasimenko (ex proprietario del club), che ha portato la settimana scorsa le società di Serie A ad estremettere Torino dalla Lega, negando di fatto la possibilità ai gialloblù di iscriversi al massimo campionato nella prossima stagione.

Nonostante le difficoltà societarie, Galbiati e i suoi cercano di concentrarsi sul campo, che li vedrà contrapposti ad una squadra in piena corsa playoff.

“La nostra settimana, dal punto di vista degli allenamenti, - commenta Galbiati alla viglia della sfida - è stata a singhiozzo, anche se abbiamo cercato come ormai consuetudine di far quadrato e non pensare all’extracampo. E’ però indubbio che il momento che stiamo attraversando influenzi inevitabilmente il resto. L’obiettivo per domani sera è in ogni caso quello di onorare la maglia e cercare di dare il massimo sul parquet dei rivali, pensando a chiudere bene la stagione in trasferta prima dell’ultima uscita casalinga contro la VL Pesaro di domenica 12 maggio”.

Nonostante i problemi di infortuni patiti durante la settimana, roster al completo per coach Galbiati. Palla a due alle 20.45

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium