/ Altri sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Altri sport | 07 maggio 2019, 06:00

Atalanta: da favola sportiva a capolavoro economico

A Bergamo, un imprenditore ed il suo gruppo, Percassi, sta riuscendo in un miracolo che da sportivo si sta sempre più trasformando in miracolo economico

Atalanta: da favola sportiva a capolavoro economico

A pochi Km da Milano, capitale economico finanziare Italiana, una realtà sana ambiziosa e vincente, si sta facendo largo nel mondo dello sport: L’Atalanta.

A Bergamo, un imprenditore ed il suo gruppo, Percassi, sta riuscendo in un miracolo che da sportivo si sta sempre più trasformando in miracolo economico.

La Dea, così viene chiamata la squadra bergamasca per via del fatto che “Atalanta” nella mitologia greca era la “dea della corsa”, è ad un passo da una storica qualificazione per la Champions League, è finalista di Coppa Italia ed è lodata da tutti gli esperti e dagli stessi avversari per il suo gioco, la forza fisica e mentale nonché la spregiudicatezza che riesce a mettere in campo in ogni occasione.

Da sempre, forza della compagine orobica è stato il proprio settore giovanile che ogni anno riesce a sfornare calciatori che velocemente spiccano il volo verso mete più ambite, facendo realizzare alla società ottime plusvalenze.

Per il passato basti ricordare i nomi di Cabrini Scirea o Donadoni, seguiti nell’epoca successiva da Inzaghi Vieri o Montolivo per finire nella passata stagione da Kessie Caldara Gagliardini e Conti, cessioni eccellenti che hanno portato nella casse societarie più di 100 milioni di € ma che non hanno comunque precluso il fatto che l’Atalanta sia ripartita con nuovi acquisti ed ora stiamo lottando, da Dea, nell’olimpo del calcio.

Con un valore iniziale della rosa di 75 milioni di euro, i ragazzi di Gasperini valgono ora complessivamente quasi 200 milioni di euro. Merito delle prestazioni in campionato di talenti giovanissimi come Gianluca Mancini, già convocato in nazionale, il cui valore è passato da 1 a 15 milioni di €, ci sono poi altri esempi eccellenti come lo svizzero Freuler, prelevato dal Lucerna 2 anni orsono per 800 mila euro, dalla cui vendita l'Atalanta guadagnerebbe ad oggi, bonus esclusi, 16 milioni. Hateboer e Castagne sono altri due esempi di giocatori semisconosciuti il cui valore si è decuplicato in un anno per merito, in primis, di Re Mida Gasperini.

Affiancano poi queste giovani promesse, situazioni di giocatori già affermati che stanno trovando la propria realizzazione definitiva proprio con l’Atalanta, ci riferiamo all’Argentino Alejandro Gomez (per tutti il “Papu”) e allo sloveno Josip Ilicic, talento cristallino ora all’Atalanta, spesso discontinuo nelle annate precedente.

Unico verso rischio intrapreso dalla società in termini economici è stato l’acquisto per 26 milioni di € (record per le casse dell’Atalanta) del Colombiano Duvan Zapata, che sta ripagando a suon di gol il grande investimento effettuato.

Staremo a vedere come si concluderà questa stagione sportiva ormai agli sgoccioli, sapendo che, comunque vada a concludersi, il calcio italiano ha da annoverare fra le proprie big una new entry: la Dea di Bergamo, l’Atalanta.

 

ip

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium