/ torinosportiva.it

torinosportiva.it | 11 giugno 2019, 11:00

Maurizio Salvemini è il responsabile del settore giovanile della Polismile Torino

Prima grande novità a pochi giorni dall’ufficializzazione dell’accordo con Pallacanestro Torino

Maurizio Salvemini è il responsabile del settore giovanile della Polismile Torino

Prima grande novità per la Polismile a pochi giorni dall’ufficializzazione dell’accordo con Pallacanestro Torino. Sarà infatti Maurizio Salvemini, il responsabile del settore giovanile della società torinese, carica che condividerà con la Pallacanestro Torino di cui Polismile è settore giovanile.

Si rinforza dunque lo staff tecnico biancorosso con Salvemini, torinese di nascita e di formazione cestistica, tecnico dalla spiccata propensione nel lavoro con le giovani leve. Dopo i primi anni alla Libertas Torino con la vittoria del titolo Propaganda, è entrato nello staff dell’Auxilium Pallacanestro, di cui ha fatto parte per oltre 13 anni, conquistando 12 titoli regionali e partecipando a tre finali nazionali, svolgendo per due stagioni anche il ruolo di assistente in
Serie A.

Quindi il passaggio al femminile, diventando Responsabile del Settore Giovanile della Pallacanestro Torino nell’annata 97/98, per poi tornare nel 2009 dopo le esperienze ad Asti e San Mauro. Nella stagione 2009/10 ritorna alla Pallacanestro. Torino, con il ruolo di responsabile del settore giovanile: tre i titoli regionali conquistati, impreziositi dalla partecipazione a tre finali nazionali, due under 15 e una under 17, giungendo quarto nel 2011 con l’Under 15. Fa parte del CNA/Settore Squadre Nazionali con il ruolo di formatore e capo istruttore.

Maurizio Salvemini, benvenuto in Polismile e bentornato in Pallacanestro Torino…

É un piacere poter contribuire con il mio lavoro e la mia esperienza alla crescita di Polismile. Conoscevo la realtà dall’esterno, ne ammiravo le potenzialità, la voglia di crescere, l’ambiente che si percepiva. Quando poi ho parlato con Luca Nasi, il primo a contattarmi, e con Vittorio Ghirlassi, il presidente, ho visto quella scintilla nei loro occhi che mi ha convinto. Inoltre per me costruire è più affascinante che amministrare”.

L’entusiasmo è importante, ma dal punto di vista tecnico cosa l’ha conquistata?

Sono arrivato a un momento della mia vita cestista in cui prediligo i valori e le persone con cui lavoro. In Polismile ho individuato persone con cui mi piacerebbe intraprendere un percorso e che conoscevo da tempo. Come Rino Lionetti, che è stato mio assistente per anni. Inoltre ho visto le motivazioni, la voglia di crescere e il potenziale enorme a disposizione”.

Come lo immagina il futuro di Polismile e del settore giovanile di Pallacanestro Torino?

Gran parte delle potenzialità è ancora da esprimere, questo secondo me è la considerazione di partenza. Nell’ambiente della pallacanestro femminile c’è bisogno di entusiasmo, di consapevolezza. Credo che sia arrivato il momento giusto per fare salto di qualità, sempre ponendo le ragazze al centro del nostro progetto”.

Quali invece gli obiettivi a breve termine?

Voglio che ci sia qualcosa di più che la semplice ricerca del risultato. Come ho detto prima vogliamo che le ragazze siano al centro del nostro progetto: comportamenti adeguati dentro e fuori dal campo, passione, voglia di migliorare ma anche di divertirsi. Perchè la pallacanestro è il gioco più bello del mondo. Tra gli obiettivi che abbiamo, c’è anche il coinvolgimento del movimento femminile torinese: sono convinto che la collaborazione con Pallacanestro Torino sia foriera di crescita. A Torino ci sono gli spazi per migliorare, crescere, fare un salto di qualità”.

Cosa vuol dire alle ragazze di Polismile?

Che sarà un piacere per me poterle allenare: il nostro obiettivo è dare il meglio possibile alle nostre ragazze e a coloro che decideranno di darci fiducia”.

R.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium