/ Sport invernali

Sport invernali | 24 giugno 2019, 19:31

Olimpiadi 2026 a Milano-Cortina, i commenti del mondo della politica e dell'economia

Fregolent (Pd): "Disfatta totale per la Appendino". Roberto Rosso (FdI): "Rammarico per aver perso i Giochi Invernali a Torino". Ricca (Lega): "Un successo italiano, il Piemonte c’è". Coppa (Ascom): "Soddisfazione per l'Italia, rammarico per Torino e la Valle di Susa"

Olimpiadi 2026 a Milano-Cortina, i commenti del mondo della politica e dell'economia

Poco dopo che è giunta la notizia dell'assegnazione dei Giochi Invernali del 2026 al tandem Milano-Cortina, sono arrivati immancabili i commenti da parte del mondo della politica.

Prima ad esprimersi, in ordine di tempo, è stata Silvia Fregolent del Pd: "Complimenti a Milano e Cortina per l'assegnazione dei giochi invernali 2026 ma il rimpianto di Torino che, per colpa del M5S e del sindaco Chiara Appendino, ha rinunciato alla candidatura, è oggi grandissimo. La mia città ha perso una occasione irripetibile di sviluppo sostenibile, di crescita economica ed occupazionale e di promozione internazionale rinunciando a un appuntamento di prestigio e di valore mondiale. Anche se continuerà a governare sino alla fine del suo mandato Chiara Appendino conclude qui la carriera politica. Nessuno, dopo questa disfatta, avrà il coraggio di ricandidarla".

“Le Olimpiadi a Milano-Cortina costeranno immensamente di più di quanto non si sarebbe speso a Torino, che ha già tutte le strutture pronte (e pagate) per ospitare i Giochi invernali. Per Torino è un grande rammarico aver perso quest’occasione di rilancio: una sconfitta che ha nomi e cognomi, in primo luogo il Coni, poi il Governo, ma anche il Comune di Torino”: così Roberto Rosso, assessore regionale piemontese, che aggiunge: “Certamente Malagò ha fatto di tutto per portarci via i Giochi, ma il fatto che Appendino abbia prontamente tolto Torino anche dalla possibile terna, quando le si proponeva un ‘assegnazione condivisa, ha peggiorato la situazione. Ora vedo che il sindaco è disposto ad offrire le strutture, ma allora mi chiedo perché rifiutare i Giochi in condominio, se poi daremo i nostri spazi senza nemmeno un minimo ritorno d’immagine?".

“Accanto a questa grande vittoria dell’Italia, che porta nuovamente le Olimpiadi invernali nel nostro Paese, il Piemonte c’è. I nostri impianti, le nostre valli, la nostra professionalità che deriva anche dal fatto di aver già ospitato questo grande evento, sono a disposizione del Paese per organizzare una grande edizione dei giochi", afferma l’assessore regionale Fabrizio Ricca. "L’eccellente lavoro del sottosegretario Giorgetti, delle regioni Lombardia e Veneto e del presidente del Coni Malagò potrà fare affidamento anche sulla nostra regione per quello che riguarda la possibilità di ospitare eventi nei nostri impianti. Dal lavoro di squadra nascerà sicuramente una collaborazione proficua per tutti", ha concluso Ricca.

"Dal Cio ci arriva una notizia straordinaria. L'assegnazione delle Olimpiadi invernali del 2026 a Milano e Cortina riempie di gioia tutto il sistema-montagna italiano". Lo afferma il Presidente Uncem, Unione dei Comuni, delle Comunità e degli Enti montani Marco Bussone. "Sono unito in queste ore di festa al Presidente Uncem Lombardia, Tiziano Maffezzini, Presidente della Comunità montana Valtellina di Sondrio, e al Presidente di Uncem Veneto Ennio Vigne - prosegue Bussone - che instancabile hanno lavorato con le Regioni e i Comuni verso il grandissimo risultato di oggi".

"Inizia un grande lavoro, che unirà la montagna italiana, che unirà le Alpi verso i 15 giorni di gare del 2026, con il mondo sulle nostre Alpi. Uncem farà la sua parte ed è a fianco delle città, dei borghi, dei territori che hanno ottenuto questo grande risultato. Oggi la montagna italiana vince nel mondo".

"L’assegnazione dei Giochi Olimpici Invernali 2026 a Milano e Cortina è la vittoria di tutto il Paese. Peccato, però, per la straordinaria occasione persa da Torino": così Francesca Bonomo e Daniele Valle, rispettivamente deputata e consigliere regionale del Partito Democratico, commentano la vittoria della candidatura italiana, che oggi pomeriggio al Cio è stata preferita a quella svedese di Stoccolma-Are. "La rinuncia alla candidatura da parte della sindaca Chiara Appendino è l’ennesima dimostrazione dell’incapacità del Movimento 5 Stelle: la politica del no, senza se e senza ma, non porta da nessuna parte".

"Una cordata di parlamentari torinesi per sostenere il dossier che domani il Governatore del Piemonte Cirio invierà a Roma a sostegno delle nostre valli”: questo è l’appello del parlamentare di Fratelli d’Italia Augusta Montaruli, che aggiunge: “Se Milano-Cortina e’ una vittoria per l’Italia, rende però evidente  l’isolamento a cui i pentastellati hanno condannato Torino. Poniamo fine a questa violenza per il nostro territorio e rialziamo la testa facendo squadra. Noi possiamo ancora difendere Torino e la Val di Susa, i suoi impianti, rispondendo al bisogno del nostro territorio".

“L’assegnazione delle Olimpiadi a Milano e Cortina è una grande vittoria per l’Italia e i territori coinvolti. Certamente costituisce anche una gigantesca sconfitta per Torino la cui Giunta non ha saputo andare oltre agli staccati ideologici vetero comunisti tracciati dai registi grillini Appendino-Di Maio-Grillo. La speranza di un cambio di passo si chiama Alberto Cirio: nelle intenzioni del nostro governatore c’è la ferma volontà di tentare di ricucire lo strappo con Milano e Cortina riuscendo a coinvolgere le Vallate Olimpiche”. Ad affermarlo in una nota il deputato di Forza Italia Paolo Zangrillo, coordinatore regionale degli azzurri in Piemonte.

In merito all’aggiudicazione all’Italia dei Giochi Invernali 2026, la presidente dell’Ascom di Torino Maria Luisa Coppa esprime “grande soddisfazione per l’assegnazione a Milano e Cortina e grande rammarico per  Torino e per la Valle di Susa. Speriamo – conclude la presidente Coppa -  che il Governatore  del Piemonte Alberto Cirio ci recuperi qualche emozione”.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium