/ Toro

Toro | 24 giugno 2019, 11:00

Il mondo del calcio in ansia per Gigi Simoni, ex giocatore e allenatore del Toro

Da sabato l’ottantenne già tecnico dell’Inter del Fenomeno Ronaldo è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Pisa. Malgrado un lieve miglioramento, le sue condizioni restano critiche

Il mondo del calcio in ansia per Gigi Simoni, ex giocatore e allenatore del Toro

Il mondo del calcio è in ansia per Gigi Simoni, l’allenatore signore (oltre che signor allenatore) che in una lunghissima carriera ha guidato anche l’Inter del Fenomeno Ronaldo, guidandola al trionfo in  Coppa Uefa nel maggio 1998.

Da sabato Simoni è ricoverato nel reparto di terapia intensiva presso l’Ospedale Cisanello di Pisa. Dopo un malore è stato trasferito dalla sua abitazione di San Piero a Grado all’ospedale pisano, dove i medici hanno subito riscontrato la gravità della situazione. Malgrado un lieve miglioramento delle ultime ore, le sue condizioni restano critiche e la prognosi riservata. Il tecnico, che ha compiuto 80 anni a gennaio, è seguito dai familiari più stretti e le sue condizioni sono monitorate continuamente dai sanitari.

Forse in molti non lo ricordano, ma Simoni in giovane età era stato il giocatore ceduto “come riparazione” dal Toro alla Juve, nell’estate del 1967, dopo che era saltato il passaggio in bianconero di un altro Gigi, quel Meroni che era l’idolo dei tifosi granata e che l’Avvocato Agnelli voleva sull’altra sponda del Po per farne l’erede di Sivori, passato due anni prima al Napoli. Nel 2000 Simoni sarebbe tornato in granata come allenatore, ma la sua avventura in serie B sulla panchinna del Toro durò appena otto partite: un inizio di stagione complicato e una pesante sconfitta a Piacenza gli costarono l’esonero a fine ottobre, con la promozione dal settore giovanile di Giancarlo Camolese.

Oggi i tifosi granata, quelli dell’Inter e di tutte le squadre in cui ha trascorso anni importanti (tra le tante, Genoa, Brescia, Pisa e Cremonese) fanno il tifo per lui, perché possa vincere la partita più importante, quella per la vita. Forza Gigi!

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium