/ Altri sport

Altri sport | 29 giugno 2019, 14:00

Dal 2 al 7 luglio, al Centro Ippico “La peschiera” di Caluso il Campionato Italiana a squadre di Reining

E’ una disciplina dell'equitazione americana che trae le sue origini dal lavoro con il bestiame svolto dai cowboy, che utilizzavano i cavalli per radunare, muovere e contenere le mandrie di bovini nelle vaste praterie del West. Si stima la presenza di oltre 600 cavalieri

Dal 2 al 7 luglio, al Centro Ippico “La peschiera” di Caluso il Campionato Italiana a squadre di Reining

Dal 2 al 7 luglio il centro ippico “La Peschiera Quarter Horses” di frazione Molliette 16 a Caluso ospiterà il Campionato Italiano a squadre 2019 di Reining. L’evento, patrocinato dalla Città Metropolitana di Torino, si svolgerà in Piemonte grazie alla vittoria della squadra piemontese dello scorso anno. La formazione regionale scenderà in campo con il team capitanato dal coach Rodrigo Alberti che, con la sua grande esperienza, saprà dare la giusta motivazione ai reiners. Sette i binomi scelti per cercare di mantenere il titolo in terra subalpina: Carolina Vairo, Giulia Serasio, Matteo Capello, Federica Bozzola, Daniele Francescato, Lorenzo De Simone e Claudio Risso.

Nella prima settimana di luglio a Caluso si disputeranno anche le finali del Campionato Italiano debuttanti, il Ladies Trophy in collaborazione con “Donne nel Reining” e il Maturity IRHA & NRHA APCR Ride July Ride, valido per le qualificazioni al Campionato Europeo e per la classifica Top 10 mondiale.

L’organizzazione degli eventi calusiesi è curata dall’APCR-Associazione Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta cavallo da Reining, in collaborazione con l’IRHA-Italian Reining Horses Association e con la FISE-Federazione Italiana Sport Equestri. Si stima che a Caluso arriveranno oltre 600 cavalieri, provenienti da tutta Italia.

Una disciplina nata dal lavoro dei cowboy

c. I cavalli dovevano essere agili, atletici, docili e veloci e dovevano rispondere repentinamente ai comandi impartiti con le redini. La traduzione letterale del termine reining è infatti “lavorare di redini”. Con il passare degli anni i cowboy, orgogliosi dei loro cavalli ben addestrati e pronti al lavoro, iniziarono a cimentarsi in competizioni che consistevano in una serie di manovre, tra cui sliding stop e giravolte (spin).

Queste esibizioni costituirono le fondamenta di una disciplina equestre che ha conquistato una posizione di rilievo a livello internazionale. Nelle arene di tutto il mondo si svolgono gare di Reining e centinaia di cavalli e cavalieri di ogni livello tecnico hanno modo di esibirsi e dare dimostrazione della propria abilità. Giudici qualificati sono chiamati a determinare del punteggio e ad emettere il loro verdetto, valutando l'esecuzione dei percorsi o pattern, che sono 13, di cui due dedicati alle classi Youth 10 e Short Stirrup. I pattern sono percorsi in cui vengono ripetute le medesime manovre in successioni diverse. Le manovre fondamentali sono: cerchi a diverse velocità e grandezze, spin (rotazione di 360° facendo perno sulle zampe posteriori del cavallo), cambi di galoppo, sliding stop (arresto), rollback (dietro front al galoppo), back (retromarce).

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium