/ Motori

Motori | 01 luglio 2019, 12:00

Franco Ballatore ha portato a termine la sua lunga impresa in terra africana

Il giramondo del Bemar Racing Team è tornato presso la Bianco Moto, dalla quale era partito sette mesi or sono

Patrizio Bianco ha ricevuto Franco Ballatore all'arrivo a Cuneo

Patrizio Bianco ha ricevuto Franco Ballatore all'arrivo a Cuneo

Originario di Cuneo, attualmente residente a Beinette, Franco Ballatore da qualche anno è praticamente diventato un “overlander” a tempo pieno. Ha già visitato 125 paesi del Mondo e percorso quasi 300.000 km., viaggiando in tutti e cinque i continenti.

Il suo singolare modo di viaggiare prevede di utilizzare il meno possibile i voli aerei, compiendo complicate e avventurose attraversate transcontinentali, preferibilmente in moto, non disdegnando qualsiasi altro mezzo di trasporto quando la situazione lo renda necessario. Alcune delle sue ultime imprese lo hanno portato da New York a Buenos Aires in Vespa, ad affrontare la risalita del Rio delle Amazzoni dall’Oceano Atlantico alle Ande su battelli locali, da Cuneo a Bangkok in moto, il periplo dell’Australia via terra ed il giro completo dell’Europa in camper, toccando tutte le capitali.

Oggi il viaggiatore cuneese può vantarsi di essere stato uno dei pochi ad aver portato a termine il periplo dell’Africa in moto, attraversando ben 36 Paesi, lasciandosi alle spalle 40.000 km. di strade del Continente Nero. Per terminare questa avventura, Franco ha impiegato sette mesi.

“Attraversare l’Africa è stato ad ora una uno dei miei progetti più difficili da realizzare. La discesa lungo la costa orientale, da Alessandria d’Egitto a Cape Town in Sudafrica, in compagnia di due amici, si è rivelata quasi una “passeggiata” mentre la risalita in solitaria lungo la costa ovest è stata piuttosto complicata e faticosa. Ho percorso strade ricoperte di fango ed acqua a causa della stagione delle piogge, poi ho incontrato delle difficoltà nell’ottenimento dei visti da parte di alcuni stati, oltre al fatto che molte zone attraversate versavano in precarie situazioni di sicurezza. Il Congo, il Gabon, il Camerun e la Nigeria sono stati sicuramente tra i più sofferti. Dalla partenza, avvenuta nell’ottobre 2018 e fino al ritorno a casa, ho perso 10 kg., ma ho guadagnato tanto in esperienza ed appagamento personale. Adesso mi prenderò un breve periodo di pausa, durante il quale preparerò la prossima avventura. Un ringraziamento particolare va a Patrizio Bianco del Bemar Racing Team, che ha creduto nell’impresa supportandola, insieme a Bianco Moto, Honda, HRC, Buscafer, Gastaldi Rudi Impresa Edile Fortec, Vernicenter e CRS ed a Claudio Pozzi, che ha mi ha messo a disposizione la Honda Transalp 650 appartenuta ad un comune amico, purtroppo mancato anni fa. Ho fatto questo viaggio anche in sua memoria”.

Chi volesse visionare fotografie e filmati di questa lungo ed avventuroso viaggio portato a termine da Franco Ballatore, non ha che da visitare sul Web: www.bicosisgud.com e su Instagram: bicosisgud.

D.M.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium