/ Tennis

Tennis | 03 luglio 2019, 07:00

Torino, la “Racchetta d’oro” al giro di boa

Oggi le finali. Buono il seguito di pubblico che sta destando la rassegna, un vero classico del movimento regionale e nazionale

Torino, la “Racchetta d’oro” al giro di boa

Può definirsi giro di boa quello odierno nella 59esima edizione della Racchetta d’Oro sui campi del Royal Club Torino di piazza Muzio Scevola 2.

Tutto si sta svolgendo con la massima regolarità nei 10 tabelloni della contesa, come conferma il Giudice Arbitro Venanzio Baù: “I match nelle diverse competizioni stanno proseguendo senza particolari intoppi nella programmazione e nella loro messa in campo. Ad oggi si è concluso il draw Under 16 maschile e domani mattina, alle 9,30, si svolgerà la finale della rassegna femminile di pari categoria.

Solo ieri sera ho dovuto rimandare sei incontri, che in parte verranno recuperati oggi, a causa del temporale preservale. Se questi episodi rimarranno isolati non dovrebbero esserci problemi a concludere le diverse competizioni come da palinsesto, le ultime delle quali il 15 luglio, esattamente un mese dopo l’inizio ufficiale delle gare”.

Di tabellone Under 16 maschile si diceva. Il successo è andato al 2.6 dell’Ace Tennis Center di Volvera, il 2.6 Lorenzo Gallo, che ha piegato 6-0 6-3 Edoardo Potenza, classificato 2.8. La finale Under 16 in rosa vedrà protagoniste Teresa Cinquino, 3.2 dell’US Tennis Beinasco e la pari categoria Isabella Maria Serban.

Proprio la Cinquino sta facendo bene anche nel tabellone Open femminile, dove ha già vinto un turno nella sezione finale. Nel fine settimana entreranno in gioco le prime teste di serie, tutte 2.4, con le prime due che rispondono ai nomi di Alessia Tagliente e Anna Maria Procacci. Le altre sono Hariett Hamilton, Sofia Ragona e Greta Schieroni (tutte già negli ottavi di finale).

Quasi nei sedicesimi il draw 4.4 – 4.1 maschile. La prima testa di serie, Cesare Carpano, ha esordito con un successo, fissato sul 7-5 6-4, contro Mauro Casurano. Proprio questo tabellone ha regalato uno dei suoi match più lunghi, quello tra Davide Rainis e Davide Scuderi.

A vincerlo è stato il primo, dopo oltre 3 ore e 30 di gioco, per 7-5 6-7 10-7. Durata ancora più siginificativa se si considera la formula che prevede la disputa del terzo set al longtie-break. Il numero 2 del draw è l’altro 4.1 Andrea Pecorini che deve ancora fare il suo ingresso in torneo. Nel 3.a categoria maschile (3.5 – 3.1) il numero 1 Nicolò Drago conosce il nome del suo avversario, Edoardo Pellò, classificato 3.2. Nella parte bassa del tabellone si è fatto strada il 3.4 Filippo Libertino che troverà ora la seconda testa di serie, Alessandro Midana (3.1). Appuntamento nel fine settimana anche con i big del tabellone Open, guidati dai 2.4 Alessio Giannuzzi ed Andrea Alviano. Buon percorso quello di Alessandro Corbo, 2.7, che ha superato nell’ultimo turno disputato il 2.6 Alessandro Spadola. Hanno preso intanto il via anche i tabelloni di doppio.

Buono il seguito di pubblico che sta destando la rassegna, un vero classico del movimento regionale e nazionale. Ricordiamo che al primo classificato dell’Open maschile andrà anche una Fiat 500 in comodato d’uso per un anno, in ragione della partnership siglata poco prima dell’inizio della Racchetta d’Oro 2019 tra il circolo e il Mirafiori Motor Village.

R.T.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium