/ Toro

Toro | 01 agosto 2019, 07:01

Torino piange Guido Vandone: si è spento il portiere granata che ereditò i guanti di Bacigalupo

Fu il primo estremo difensore a proteggere la porta granata dopo la tragedia di Superga: si è spento all’età di 89 anni. Il ricordo del Toro

Foto Silvio Fasano

Foto Silvio Fasano

Lutto nel mondo granata; si è spento ieri mattina all’ospedale di Albenga, all’età di 89 anni, Guido Vandone, il portiere del Torino che ereditò i guanti da Valerio Bacigalupo. Vandone, proveniente dal settore giovanile, “sostituì” sul campo insieme ai suoi compagni i ragazzi del Grande Torino, prematuramente scomparsi nella tragedia di Superga.

Oltre alla gloriosa maglia granata, indossata dal 1943 al 1950 tra giovanili e prima squadra, Vandone ha anche difeso le porte di Savona, Prato, Lecce e infine Cuneo.

Il Torino, sul proprio sito, ha ricordato le gesta del primo portiere granata nell’epoca post Grande Torino: “Il Presidente Urbano Cairo e tutto il Torino Football Club, profondamente commossi, partecipano sentitamente al dolore della famiglia Vandone per la scomparsa di Guido Vandone, ex portiere granata. Calciatore proveniente dal nostro settore giovanile, a lui e ai suoi giovani compagni toccò il grave compito di debuttare in serie A, assieme ai suoi giovani compagni, il 15 maggio 1949, subito dopo la tragedia di Superga.

Quei ragazzi vinsero le quattro partite che mancavano alla fine del campionato contro Genoa, Palermo, Sampdoria, Fiorentina e conquistarono anche sul campo uno scudetto comunque già assegnato al Torino. In carriera poi giocò con Savona, Prato e Lecce, prima di rientrare in Piemonte, nel Cuneo.

Con Vandone, 89 anni, ci lascia una figura di rilievo nella storia granata, uno degli ultimi calciatori della rosa del Grande Torino”.

Vandone è stato ricordato anche a Decrecen, in Ungheria, per via del legame con la figura del direttore tecnico del Grande Torino, Ernest Egri Erbstein. Per il Toro, impegnato questa sera nel ritorno dei preliminari di Europa League, un momento triste e un doveroso omaggio a una figura storica della società granata.

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium