/ Calcio

Calcio | 26 agosto 2019, 07:03

A Verona, a sorpresa, spunta Sinisa Mihajlovic sulla panchina del Bologna

Il fisico segnato dalla malattia e debilitato dalla chemioterapia, il cappellino in testa e con indosso la tuta del Bologna, l’ex allenatore del Toro non ha voluto stare lontano dalla sua squadra impegnata nella Prima di campionato

A Verona, a sorpresa, spunta Sinisa Mihajlovic  sulla panchina del Bologna

Ha avuto ragione la “Gazzetta dello Sport” che lo aveva in qualche modo annunciato alla vigilia della gara.

Il fisico segnato dalla malattia e debilitato dalla chemioterapia, il cappellino in testa e con indosso la tuta del Bologna, Sinisa Mihajlovic non ha voluto stare lontano dalla sua squadra e si è presentato in panchina al “Bentegodi” per guidare da vicino e con la consueta grinta la Prima di campionato del Bologna contro il Verona, che per la mera cronaca sportiva è finita 1 a 1.

L’ematologo Sante Tura che lo ha in cura all’Ospedale Sant'Orsola di Bologna ha parlato di "buon segnale”, ma invitato tutti (e lui per primo) alla prudenza: "Per lui la prospettiva del trapianto potrebbe essere la migliore" ha detto

Dopo 40 giorni di terapia, l’ex allenatore del Torino aveva lasciato in mattinata il Sant’Orsola per partire per Verona.  Alle 18.30 è arrivato nell'hotel che ospitava il ritiro della squadra dove ha tenuto, dal vivo, dopo tante videoconferenze, la prima riunione tecnica con la squadra dal 12 luglio scorso. Mezz’ora dopo ha lasciato l'albergo per dirigersi allo stadio in una macchina dietro al pullman in cui viaggiavano i giocatori. Nel frattempo arrivava la conferma ufficiale del Bologna: "Mister Sinisa Mihajlovic ha raggiunto la squadra in albergo e stasera sarà regolarmente in panchina". Dopo la partita è tornato in ospedale.

Per lui si era ipotizzato un apposito box dal cui interno avrebbe potuto “telecomandare” i suoi ragazzi, Invece, quando tutti i giocatori erano scesi in campo, Mihajlovic ha fatto la sua apparizione sul terreno di gioco, senza neanche la mascherina sulla bocca che indossava all'uscita dall'ospedale ed ha preso posto in panchina.

Ecco cosa si intende quando si sostiene che il calcio è vita. Alè mister!

Walter Alberto

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium