/ Ciclismo

Ciclismo | 09 settembre 2019, 12:00

La Paradainbici, per raccontare Fausto Coppi, mito della pedalata

Domenica 15 settembre sei personaggi, in sella a una bicicletta, ornati di maschere, costumi e stendardi, sfileranno a Novi Ligure e a Tortona, luoghi nei quali il Campionissimo è cresciuto, seguiti da un corteo di ciclisti-spettatori

La Paradainbici, per raccontare Fausto Coppi, mito della pedalata

Cento anni sono passati dalla sua nascita a Castellania, il 15 settembre del 1919. E per celebrare degnamente questa ricorrenza, a Fausto Coppi, il Campionissimo, l’Airone, l’uomo da solo al comando, il corridore più famoso e vincente dell’epoca d’oro del ciclismo e tra i più grandi e popolari atleti di tutti i tempi, è stato dedicato – com’è noto da tempo - un calendario ricchissimo di incontri nei luoghi della sua vita, tra Castellania, Novi Ligure e Tortona, a Torino e dintorni, e a Cuneo, scenario della sua impresa più celebre, i 192 chilometri di fuga nella tappa Cuneo-Pinerolo del Giro d’Italia nel 1949. Il progetto si chiama “Storia di un campione. 100 anni di Fausto Coppi” ed è della Regione Piemonte, realizzato dalla Fondazione Circolo dei lettori e Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, in collaborazione con DMO Piemonte Marketing e Piemonte Dal Vivo.

Per raccontare questo mito della pedalata, domenica 15 settembre si terrà la particolare esperienza della Paradainbici, in cui sei personaggi, in sella a una bicicletta, ornati di maschere, costumi e stendardi, sfileranno a Novi Ligure (ore 10-12) e a Tortona (ore 16-18), luoghi nei quali il Campionissimo è cresciuto, e attraverseranno il 1900 seguiti da un corteo di ciclisti-spettatori, in sottofondo una musica ciclica, una costante mobile, simile a una marea. Sono gli anni del XX secolo che scorrono insieme alla strada sotto le ruote.

Poi uno scatto, un sorpasso, una tappa in cui si assiste a imprese memorabili e si ascoltano racconti di scoperte ingegnose, di vittorie sportive, di vite straordinarie, di Einstein, di Freud, di Fausto Coppi. Un’azione itinerante che è contemporaneamente un viaggio nel tempo. Per ciclisti-spettatori di tutte le età in bicicletta.

Si tratta di una creazione Faber Teater e Mario Chiapuzzo. Con Francesco Micca, Lodovico Bordignon, Lucia Giordano, Marco Andorno, Paola Bordignon, Sebastiano Amadio. Bici di Museo dei Campionissimi, costumi, maschere, stendardi, elaborazione bici di Faber Teater.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium