/ Volley

Che tempo fa

Cerca nel web

Volley | 21 ottobre 2019, 18:02

A3-Maschile: Parella, sconfitta a testa alta

Esordio sfortunato per il Vivibanca Parella Torino, che cede 3-1 in casa contro l’HRK Motta di Livenza

A3-Maschile: Parella, sconfitta a testa alta

Esordio sfortunato per il Vivibanca Parella Torino, che cede 3-1 in casa contro l’HRK Motta di Livenza nella prima giornata di A3 maschile. Parellini poco cinici nel primo e quarto parziale, forse a causa dell’emozione per la prima partita nella nuova categoria. Sensazioni comunque positive anche se si può e si deve migliorare, soprattutto nei momenti clou della partita.

Coach Simeon parte con la formazione tipo: Filippi in palleggio e Gerbino opposto, Del Campo e Galliani ali, capitan Mazzone e Mellano al centro con Martina libero.
Risponde Barbon con l’esperto Visentin in regia e Albergati opposto, Pinali e Gamba in posto 4, Zanini e Moretti centrali con Gionchetti libero.

Primo set intenso con l’HRK Motta che si porta subito in vantaggio (1-3). I parellini riescono però a recuperare subito, pareggiando i conti (3-3). Nuovo allungo ospite (8-11) ma Mazzone, dopo un errore, riesce a portare i biancorossoblù vicino agli avversari (12-13). Dopo una lunga fase punto a punto l’HRK Motta riesce ad avvicinarsi alla chiusura del primo set (17-21) ma il Parella non demorde e recupera con Gerbino al servizio, (22-23). I veneti riescono però ad avere la meglio e chiudono 23-25.
Il secondo set comincia in fotocopia al primo, ma i parellini riescono a reggere meglio il confronto (4-4). L’HRK Motta prende poi il largo con Gamba al servizio (7-11). Dopo il time out chiesto da Coach Simeon, i biancorossoblù riacquistano fiducia ed accorciano le distanze (10-11). L’euforia dura poco però, perchè i veneti tornano ad avere un cospicuo vantaggio sui padroni di casa con Moretti in battuta (14-19). Quando i giochi sembrano fatti, ecco che emerge la cattiveria agonistica del Parella che, con Mazzone al servizio, riesce a ristabilire temporaneamente l’equilibrio (20-21). Galliani ha la palla della parità, ma spara fuori e qui si chiudono le velleità di rimonta parelline, con Motta che si impone 21-25.
Nella terza frazione il Parella inverte la rotta. Subito avanti 5-2, i padroni di casa vengono però presto raggiunti e nella fase centrale regna l’equilibrio. Il set si decide sul 18-17. Galliani attacca out ma c’è tocco del muro. Motta chiama il videocheck, che però conferma la decisione arbitrale. Visentin prende il rosso per proteste e così, dal possibile 18-18 si passa al 20-17. Gerbino picchia forte a servizio ed è proprio lui a chiudere con un ace: 25-17.  
Il quarto set si riapre con i biancorossoblù subito avanti 4-0. Gli ospiti li riagganciano sul 10 pari. Nuovo allungo parellino con Gerbino (18-15) ma Motta non molla, pareggia a 20 e ha la meglio nel rush finale: 24-26.

“Abbiamo capito che a questo livello qua, più sale il livello, più i dettagli fanno la differenza perchè sono tutte partite equilibrate – dice a fine gara coach Simeon - Dobbiamo renderci conto che sarà così tutto l’anno. Andremo incontro sempre a partite punto a punto che si decideranno anche su situazioni casuali. Nel complesso sono abbastanza soddisfatto perché abbiamo giocato una buona partita, attenta e con voglia. Non abbiamo mai avuto cali mentali subendo l’avversario e questo è positivo. Dobbiamo prendere il buono della partita e continuare a lavorare su quello per mettere a posto i dettagli di cui parlavo prima. Se ci riusciremo, ci toglieremo delle soddisfazioni e dobbiamo solo esserne convinti e continuare a lavorare con tranquillità.”

VIVIBANCA PARELLA TORINO-HRK MOTTA DI LIVENZA 1-3 (23-25, 21-25, 25-17, 24-26 )

VIVIBANCA PARELLA TORINO: Filippi 6, Gerbino 22, Del Campo 6, Galliani 13, Mazzone 10, Mellano 8, Martina (L), Richeri. N. e.: Piasso, Cassone, Felisio, Mariotti, Valente (L). All.: Lorenzo Simeon.

HRK MOTTA DI LIVENZA: Visentin 3, Albergati 16 , Gamba 12, Pinali 14, Moretti 8, Zanini 7, Gionchetti (L) ,Saibene 3, Tasholli, Scaltriti, Fabi. N. e.: Basso, Tonello, Lollato (L). All.: Renato Barbon.

R.T.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium