/ Calcio

Calcio | 22 novembre 2019, 10:00

PONT DONNAZ, CRETAZ UFFICIALE - Sfogo dell'esonerato Ezio Rossi: "Io a 6 punti dalla prima..."

"In 20 anni di carriera è la quarta volta che mi succede e delle squadre che mi esonerarono nessuna vinse poi il campionato"

PONT DONNAZ, CRETAZ UFFICIALE - Sfogo dell'esonerato Ezio Rossi: "Io a 6 punti dalla prima..."

ULTIM'ORA ECCELLENZA A

Roberto Cretaz al Pont Donnaz. Le indiscrezioni della redazione pubblicate ieri sera in anteprima (RILEGGI QUI L'ARTICOLO) si sono rivelate azzeccate. Cretaz torna alla guida del Pont dopo tre anni da quella stagione 2016/2017. La notizia è stata confermata dal presidente Jean Calliera.

Oggi primo allenamento per Cretaz, che inizierà subito a preparare le sfide con Romentinese, Rivoli, Baveno e BorgoVercelli prima del giro di boa e del girone di ritorno che inizierà nel 2020 incrociando nuovamente Pro Eureka e Fulgor Valdengo.

Tiene banco, intanto, lo sfogo di Ezio Rossi pubblicato su Facebook esonerato con una classifica che vede il Pont attualmente a -6 dall'Aygreville capolista. Il tempo per recuperare il gap c'era tutto, ma sappiamo come il vulcanico presidente (che da molti anni segue il sogno serie D) sia abituato a cambiare senza troppi problemi quando le cose non vanno di pari passo agli investimenti.

Cretaz adesso può aprire e vincere una vera e propria sfida. Scrive Rossi: "In 20 anni di carriera è la quarta volta che mi esonerano in situazioni simili e nessuna delle squadre che mi ha cacciato ha poi vinto il campionato". Cretaz e gli orange del Pont a questo punto si impegneranno ancor di più per riuscire nell'impresa...

LO SFOGO DI EZIO ROSSI

"Quinto in classifica a sei punti dalla prima, che secondo me non vincerà mai il campionato, e a quattro da due squadre che lotteranno per la promozione...

ESONERATO!

In vent’anni di carriera da allenatore, è la quarta volta che mi succede di essere esonerato in situazioni simili, pur essendo nei primi sei in classifica. Delle squadre che mi esonerarono nessuna vinse poi il campionato. E allora penso a quei presidenti che ebbero la pazienza di sopportare me e il mio carattere da allenatore, e credettero in me fino al termine della stagione.

E penso a quei presidenti che sopportarono me, i miei compagni e i miei allenatori quando ero un calciatore. Li ringrazio perché è grazie a loro e alla loro fiducia se ho vinto 10 campionati e raggiunto altri obiettivi, quando mi hanno sopportato fino a fine anno.

Chiedo scusa a Marco Rosso perché è l’unico che, dopo una promozione storica, mi ha sopportato un altro anno e, dopo un play out scandaloso, purtroppo siamo retrocessi. E chiedo scusa anche ai presidenti con i quali ho vinto i campionati a maggio o addirittura a giugno, per non averli vinti a novembre.

Questo è il calcio. Buona vita a tutti!!!"

Michele Rizzitano

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium