/ Volley

Volley | 23 novembre 2019, 15:04

Parella, sfida al passato per la maschile, ragazze a Novara

Problemi di formazione per entrambe le compagini

Parella, sfida al passato per la maschile, ragazze a Novara

Il Vivibanca Parella Torino sfida il suo passato.
Domenica i biancorossoblu saranno di scena a Cisano Bergamasco contro il Tipiesse Cisano guidato in panchina da Matteo Battocchio, primo allenatore parellino dal 2012 al 2018 dopo anni da vice, e in campo da Claudio Cattaneo, protagonista la scorsa stagione della promozione dei torinesi in A3.
E' una squadra esperta, con un palleggiatore bravo e intelligente come Sbrolla, capace di gestire in modo ottimale i suoi attaccanti, tra cui il principale è senza dubbio Mario Mercorio, 36enne casertano al decimo anno di Serie A, arrivato in estate da Piacenza dopo esperienze, tra le altre, a Mondovì, Montecchio, Monza e Cantù.
Da lui arriva quella capacità di dare equilibrio e sostegno alla squadra nei momenti che contano. Ma il reparto di attaccanti esterno è ben completato dall'ex Cattaneo e dall'opposto De Santis.
Sul fronte Parella invece, settimana difficile a causa di alcune problematiche fisiche da gestire. Del Campo e Mellano non si sono allenati a causa del mal di schiena, problema avuto anche da Mariotti ieri con Galliani ancora a mezzo servizio dopo il problema alla spalla.

"Siamo in formazione rimaneggiata - dice coach Simeon - ma non vuol dire che andremo a Cisano a fare una gita. Siamo una squadra costruita perchè tutti diano il proprio contributo quando chiamati in causa e le problematiche devono rappresentare uno stimolo in più per chi sta bene. Bisognerà tirare fuori l'orgoglio che ci sta mancando finora. Voglio vedere una squadra che scenda in campo con il sangue agli occhi, che vada a giocare ad armi pari, che aggredisca da subito l'avversario e che possa uscire senza rimpianti, scuse e alibi, perchè è l'unico modo per invertire la rotta".

Impegno esterno anche per la femminile del Volley Parella Torino, impegnata a Novara contro il vivaio della Igor, da sempre fucina di giovani talenti. Squadra giovane, selezionata, e dotata atleticamente e tecnicamente la formazione gaudenziana precede in questo momento in classifica le parelline di tre lunghezze e potrebbe essere l'occasione per l'aggancio.

"Siamo alle prese con molte assenze per infortuni, mai così numerosi -afferma  coach Mussa - che ci condizionano in allenamento ma che dovremo affrontare con il desiderio della squadra di riscattarsi".

R.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium